Questo articolo è stato letto 9 volte

L’anonimato e le “trasparenze” nei concorsi pubblici

l-anonimato-e-le-trasparenze-nei-concorsi-pubblici.jpeg

di G. Crepaldi (www.ilpersonale.it 25/9/2013)

Il problema della garanzia dell’anonimato nei concorsi pubblici impegna in modo frequente la giurisprudenza amministrativa. Solitamente si tratta di violazioni del principio dell’anonimato perpetrate dal candidato, attraverso i c.d. segni di riconoscimento dell’elaborato.
In merito, la giurisprudenza afferma costantemente che le regole che vietano l’apposizione di segni di riconoscimento sugli elaborati scritti sono finalizzate a garantire l’anonimato di tali prove, a salvaguardia della par condicio tra i candidati, per cui ciò che rileva non è tanto l’identificabilità dell’autore dell’elaborato attraverso un segno a lui personalmente riferibile, quanto piuttosto l’astratta idoneità del segno a fungere da elemento di identificazione.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>