Questo articolo è stato letto 113 volte

Illegittimo il licenziamento tardivo

licenziamenti2

Con comunicato del 13/09/2016 i Consulenti del Lavoro rendono noto che per il Tribunale di Milano è illegittimo licenziare un lavoratore con molto ritardo rispetto al richiamo. Con l’ordinanza del 1° luglio 2016 i giudici milanesi hanno ritenuto ritorsivo il comportamento di un datore di lavoro che aveva licenziato il dipendente basandosi su una contestazione disciplinare notificata più di un anno prima e con la quale si imputavano “gravi comportamenti” al lavoratore.

Il licenziamento, in realtà, era stato intimato come ritorsione alle ripetute richieste dell’ex dipendente di vedersi adeguare la retribuzione alle mansioni svolte e all’orario di lavoro. Il lavoratore ha chiesto, così, la reintegra del posto di lavoro e il risarcimento del danno con un’indennità non inferiore a cinque mensilità della retribuzione globale di fatto.

Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso spiegando che il datore ha atteso più di un anno prima di irrogare la sanzione disciplinare, senza motivare con valide ragioni il rinvio, in “netto contrasto con i principi di immediatezza e tempestività” previsti dall’articolo 7 dello Statuto dei lavoratori e in “evidente violazione dei più elementari principi di correttezza e buona fede”.

Inoltre, il licenziamento avvenuto per fatti contestati più di un anno prima e pochi giorni dopo aver lamentato una retribuzione non corretta rispetto al corrispettivo percepito sono indizi

sufficienti, secondo l’ordinanza, a provare la natura ritorsiva del licenziamento.

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>