Questo articolo è stato letto 0 volte

Firenze: provvedimenti contro i dipendenti ‘Fantozzi’ del Comune

firenze-provvedimenti-contro-i-dipendenti-fantozzi-del-comune.jpeg

Il sindaco Matteo Renzi (PD) annuncia provvedimenti contro i dipendenti Fantozzi del Comune di Firenze, in altre parole quelli che aspettano in coda per timbrare il cartellino e uscire immediatamente dal lavoro. ”Non ho mai immaginato – ha detto Renzi, tornando sull’intervista rilasciata a Sport Week – di paragonare tutti i dipendenti pubblici a Fantozzi anche perché non mi pare di avere il physique du role del megadirettore generale. Ma ci sono scene imbarazzanti: la coda per scappare e strisciare il badge per andarsene a casa che fanno pochi dipendenti getta discredito su tutti. E’ imbarazzante che all’uscita di Palazzo Vecchio, e mi dicono sia prassi consolidata anche altrove, dieci minuti prima delle 14 ci siano 15-20 persone che stanno in coda, in attesa dell’ora X di fronte a Sua maesta’ il badge. Facendo cosi’ si certificano tutti i luoghi comuni sul dipendente pubblico. Bisognerebbe avere il coraggio, da parte del sindacato, non di dire ‘difendiamo tutti’, ma difendiamo i bravi e attacchiamo chi non fa il proprio lavoro”.

Renzi poi promette provvedimenti concreti: ”Ho chiesto ieri in giunta ai miei dirigenti di identificarli, la responsabilità è personale e ho chiesto che i dirigenti prendano i provvedimenti necessari”. Renzi ha replicato anche al ministro Brunetta che ieri lo aveva elogiato in un comunicato stampa: ”Brunetta si è buttato su questa battaglia come fa su altre dal punto di vista mediatico senza alcun risultato concreto. Ha visto che c’era spazio per un comunicato stampa e per un po’di rilevanza mediatica ci si è tuffato. Lasciamolo tuffare nel mare della comunicazione, il punto vero è che il Governo in tre anni su questo settore non ha fatto niente”.

Rimandiamo alla nota del Ministero della Funzione pubblica in risposta alle affermazioni del sindaco di Firenze.

(FONTE: www.ilpersonale.it)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>