Questo articolo è stato letto 0 volte

Attesa per la sentenza della Corte costituzionale sul mancato adeguamento delle pensioni alle variazioni del costo della vita negli anni 2012 e 2013

attesa-per-la-sentenza-della-corte-costituzionale-sul-mancato-adeguamento-delle-pensioni-alle-variazioni-del-costo-della-vita-negli-anni-2012-e-2013.jpg

di F. Sacco (www.ilpersonale.it 25/3/2015)

In più occasioni la Corte Costituzionale ha affermato che “il trattamento di quiescenza , al pari della retribuzione percepita in costanza di rapporto di lavoro (del quale lo stato di pensionamento costituisce il naturale prolungamento), deve essere proporzionato alla quantità e qualità del lavoro prestato e deve, in ogni caso, assicurare al lavoratore (ora pensionato) ed alla sua famiglia mezzi adeguati alle esigenze di vita per una esistenza libera e dignitosa. Tale proporzionalità e adeguatezza devono sussistere non  soltanto al momento del collocamento a riposo, ma vanno costantemente  assicurate anche successivamente, in relazione al mutamento del potere di acquisto della moneta, secondo valutazioni riservate, anche con riguardo alle disponibilità finanziarie, alla discrezionalità legislativa purchè esercitata in modo non irragionevole e arbitrario”.

Continua a leggere l’articolo

 

Costruire una città intelligente

Le pensioni nel pubblico impiego dopo la riforma Fornero

-Struttura e tipologie di contribuzione -Trattamenti di quiescenza diretti -Misura e calcolo della pensione

Il TFR e la previdenza complementare del personale degli Enti locali

» Acquista Subito

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>