Questo articolo è stato letto 0 volte

Agenzia per la gestione dei segretari Gli enti continueranno a pagare

I comuni e le province dovranno continuare a versare i contributi dovuti alla vecchia Agenzia per la gestione dell’albo dei segretari non più fino alla fine del 2012 ma fino alla fine del mese di luglio del 2013; la Scuola superiore per la formazione e la specializzazione dei dirigenti della pubblica amministrazione locale, cioè la Scuola dei segretari, conosciuta anche come Sspal, viene soppressa; viene istituito il consiglio direttivo per l’Albo dei segretari comunali e provinciali presso il ministero dell’interno: sono queste le principali novità dettate dall’articolo 10 del dl n. 174/2012. Viene per l’ennesima volta prorogato (si veda ItaliaOggi di giovedì 4 ottobre) l’obbligo per gli enti locali di versare al ministero dell’interno i contributi provenienti dalla riscossione dei diritti di segreteria già dovuti alla disciolta Agenzia per la gestione dell’albo dei segretari comunali e provinciali, contributi che servono per la corresponsione del trattamento economico ai segretari in disponibilità e per il funzionamento dell’Agenzia e della Scuola dei segretari. Tale termine era previsto per la fine del 2010, ma di proroga in proroga (con questa disposizioni si sposta la scadenza fissata dal dl 95/2012, cosiddetta spending review, per la fine del 2012) si è arrivati alla fine del mese di luglio del 2013. Da ricordare che, nel momento in cui questo obbligo verrà meno, i trasferimenti ai comuni e alle province saranno ridotti di una cifra complessiva analoga: con le nuove regole si dovrebbe avere una ripartizione più equa tra i singoli enti locali.Viene chiusa la Scuola dei segretari, che gestisce sia i corsi per l’accesso all’Albo dei segretari, sia quelli per avanzare in tale carriera, sia l’aggiornamento; le sue attività, nonché il suo personale, vengono assegnati al ministero dell’interno. Con un regolamento da emanare entro il termine del 31 luglio 2013, saranno dettate le modalità attraverso cui il ministero dell’interno dovrà gestire le attività svolte in precedenza dalla Agenzia per la gestione dell’albo e quelle della Scuola.È stato infine istituito, a far data dalla entrata in vigore del decreto, il Comitato direttivo per l’Albo nazionale dei segretari comunali e provinciali. Esso viene presieduto dal ministro dell’interno ed è composto da rappresentanti del Viminale, dell’Anci e dell’Upi: a differenza del vecchio consiglio di amministrazione dell’Agenzia non vi sono i rappresentanti dei segretari comunali e provinciali. Per la partecipazione a tale organismo non è prevista la erogazione di alcun compenso. I suoi compiti sono fissati direttamente dalla disposizione: definire le modalità di gestione dell’albo dei segretari, ivi compresi i beni di proprietà della disciolta Agenzia; fissare il fabbisogno di segretari comunali e provinciali (ricordando al riguardo che il dl n. 95/2012 fissa nello 80% dei cessati il tetto per le nuove assunzioni di segretari); adottare gli indirizzi per la programmazione dell’attività didattica e il piano generale annuale delle iniziative di formazione e di assistenza, svolgendo altresì i compiti di controllo; ripartire le risorse necessarie per la gestione dell’albo, per i corsi concorso per l’accesso, per la formazione e l’aggiornamento professionale dei segretari, dei dirigenti degli enti locali e degli amministratori.

Fonte: Italia Oggi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>