Questo articolo è stato letto 0 volte

Sciopero e diritti del datore di lavoro

sciopero-e-diritti-del-datore-di-lavoro.jpeg

di G. Crepaldi (www.ilpersonale.it 8/5/2013)

L’art. 40 della Costituzione riconosce ed attribuisce direttamente ai lavoratori il diritto di sciopero; l’art. 28 dello Statuto dei lavoratori sanziona ogni comportamento idoneo a ledere il diritto di sciopero. Tale diritto non incontra limiti diversi da quelli propri della ragione storico-sociale che lo giustifica e dell’intangibilità di altri diritti o interessi costituzionalmente garantiti (Cass., sez. lav., 27 dicembre 2004 n. 23552).
In tal senso, lo sciopero è legittimo se consiste in un’astensione dal lavoro decisa ed attuata collettivamente per la tutela di interessi collettivi, purché le forme di attuazione non assumano modalità delittuose, in quanto lesive, dell’incolumità o della libertà delle persone, o di diritti di proprietà o della capacità produttiva delle aziende. Se così  è, il danno che lo sciopero produce direttamente in capo al datore di lavoro determinato dall’interruzione o dalla riduzione dell’attività lavorativa è connaturale alla funzione di autotutela coattiva propria dello stesso ed ineliminabile.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>