Questo articolo è stato letto 63 volte

Pubblico impiego: D’Alia: rinnovo per gli statali nel 2015

pubblico-impiego-d-alia-rinnovo-per-gli-statali-nel-2015.jpg

Qualcosa sembra muoversi per i lavoratori pubblici, da anni in attesa del rinnovo del contratto. In un’intervista al Messaggero oggi, 19 dicembre, il ministro  della Pubblica amministrazione Gianpiero D’Alia sembra infatti voler rassicurare gli statali: “I sacrifici economici sono finiti – dice il ministro – sono d’accordo con chi pensa che il settore pubblico abbia già pagato abbastanza”.

D’Alia ricorda che “il blocco del contratto era stato già previsto e contabilizzato dal governo Monti. Non lo abbiamo deciso noi. Anche il blocco del turnover è una scelta ereditata”. Scelte una cui modifica è stata finora resa impossibile, sostiene ancora il ministro, dalla scarsità di risorse. “Finanziare il contratto triennale del pubblico impiego – spiega – significa mettere in bilancio 7 miliardi di euro. Noi siamo arrivati con il primo semestre già maturato. E servivano i soldi per la cig in deroga, abolire l’Imu, risolvere il problema degli esodati. Dovevamo scegliere le priorità. Ma è chiaro – sottolinea ancora il ministro – che questa situazione non può proseguire”.

Ecco dunque l’annuncio tanto atteso: “Nel 2015 vogliamo arrivare al nuovo contratto economico”, mentre “sarà molto importante il rinnovo della parte giuridico-normativa del contratto che vorremmo chiudere nel 2014. All’inizio del nuovo anno – afferma D’Alia – partiranno i tavoli con i sindacati’.

Nell’intervista il ministro rimarca la necessità di “andare verso il ruolo unico” per facilitare i passaggi tra enti. “Il problema è da risolvere al più presto. Entro fine dicembre sarà pronta la mappa delle nuove dotazioni organiche dei ministeri. Il personale in esubero sarà gestito con prepensionamenti e spostamenti presso altre amministrazioni”. Per eliminare gli sprechi, aggiunge, potrebbe essere uno stimolo “l’introduzione nel contratto di secondo livello del ‘dividendo dell’efficienza’, ovvero la destinazione di parte dei risparmi ottenuti agli incentivi al personale”.

(FONTE: www.rassegna.it)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>