Questo articolo è stato letto 3 volte

Il danno all’immagine della p.a.: evoluzione e ultime novità

il-danno-all-immagine-della-pa-evoluzione-e-ultime-novita.jpg

G. Crepaldi (www.ilpersonale.it 28/5/2014)

La possibilità di condannare il dipendente al risarcimento del danno all’immagine, qualificato dalla Corte dei conti come “pregiudizio non patrimoniale, ma suscettibile di valutazione economica, consistente nella perdita o diminuzione del prestigio, del buon nome dell’autorevolezza e della credibilità sociale della p.a. danneggiata” ha subito una forte limitazione ad opera del Lodo Bernardo (art. 17, comma 30-ter, legge n. 102/2009).
In base a questa norma le procure della Corte dei conti esercitano l’azione per il risarcimento del danno all’immagine nei soli casi in cui sia stato commesso un delitto contro la p.a. e non anche in presenza di condotte non delittuose altrettanto gravi ovvero in presenza di reati diversi da quelli espressamente indicati.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>