Questo articolo è stato letto 90 volte

ARAN: segnalazione sentenza Corte di Cassazione

aran-segnalazione-sentenza-corte-di-cassazione.jpeg

L’ARAN segnala la sentenza della Corte di Cassazione n. 24834/2015 precisando quanto segue:

La Corte di Cassazione ritiene legittima la scelta di una Pubblica amministrazione di procedere al recupero degli incentivi indebitamente erogati (per violazione, in sede di contratto integrativo, dei limiti fissati dai contratti nazionali di comparto) ai propri dipendenti tramite una corrispondente decurtazione del fondo per la contrattazione decentrata. La Cassazione, in questa sentenza, precisa e ribadisce una serie di punti importanti:

1) l’applicazione, anche per il pubblico impiego, del principio della ripetibilità delle somme indebite secondo l’articolo 2033, a nulla rilevando la buona fede del percettore;

2) la composizione del fondo, sia pure nei limiti dei parametri prefissati dalle leggi di bilancio e dai contratti nazionali, costituisce atto unilaterale dell’amministrazione che, in base all’articolo 8 del D.lgs 165/2001, deve tener conto della prevedibile evoluzione della spesa e della sua compatibilità finanziaria con le risorse a disposizione, rendendola trasparente per gli organi di controllo interno ed esterno;

3) deve essere esclusa qualsiasi violazione dei diritti quesiti dei lavoratori, dal momento che la decisione grava su fondi non ancora costituiti e rispetto ai quali i dipendenti non sono titolari di alcuna posizione giuridica perfetta.

 

Pubblico impiego – Retribuzione e altre indennità – Compenso incentivante indebitamente erogato – Recupero – Legittimità
CASSAZIONE CIVILE, sez. lavoro 9/12/2015, n. 24834

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>