Questo articolo è stato letto 315 volte

Reintegro dopo il licenziamento: risarcimento per inattività forzosa

OSSERVATORIO GIURISPRUDENZA

Accesso all'impiego: esclusione dal concorso (smartwatch al polso durante la prova scritta)

Un lavoratore illegittimamente licenziato viene reintegrato su ordine del giudice ma una volta riammesso in servizio viene lasciato in stato di inattività. La Cassazione si pronuncia sulla controversia risarcitoria chiudendo una vicenda processuale che ha visto alterne posizioni del giudice di primo e secondo grado. Sentenza della Cassazione Civile, Sez. Lavoro, 10 marzo 2020, n. 6750.

Massima

In caso di licenziamento illegittimo e reintegro disposto dal giudice, qualora il lavoratore venga lasciato sostanzialmente inattivo egli ha diritto al risarcimento del danno biologico risultando evidente l’abuso compiuto dalla società datrice di lavoro.

Fatto

Il Tribunale di Roma ha accolto parzialmente la domanda di un lavoratore volta al ristoro dei danni subiti per effetto del demansionamento, consistente nel non essere stato reintegrato, all’esito dell’accertamento giudiziale della illegittimità del suo pregresso licenziamento, nella posizione di direttore di agenzia in precedenza rivestita. E’ invece stata respinta la domanda volta al ristoro del danno biologico.
La Corte di appello ha invece condannato la banca al risarcimento del danno biologico subito dal lavoratore e ha respinto la sua domanda volta al ristoro del danno alla professionalità e le ulteriori domande risarcitorie; a fondamento della decisione la Corte territoriale ha ritenuto, quanto al danno alla professionalità, che nonostante fosse stato accertato il demansionamento, non potesse trovare accoglimento la domanda relativa, poiché il lavoratore non avrebbe allegato i pregiudizi subiti alla professionalità per effetto dell’accertato demansionamento; la medesima Corte ha invece accolto la domanda di risarcimento del danno biologico sul rilievo della corretta deduzione dell’inadempimento del datore che aveva costretto il dipendente, una volta riammesso in servizio, a una sostanziale inattività.

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>