Questo articolo è stato letto 314 volte

Sospensione del procedimento disciplinare in attesa della definizione del giudizio penale

OSSERVATORIO GIURISPRUDENZA

La Cassazione si pronuncia su una questione procedurale relativa alla sospensione del procedimento disciplinare in attesa della definizione del giudizio penale avente ad oggetto fatti di reato gravi extralavorativi in cui l’impiegato è stato ritenuto colpevole del reato di abuso sessuale a danno di minori. Sentenza della Cassazione Civile, Sez. Lavoro, 5 maggio 2021, n. 11762.

Massima

In tema di licenziamento disciplinare del dipendente pubblico, qualora la Pubblica amministrazione per ragioni di garanzia e cautela, decida di posticipare la propria decisione all’esito del procedimento penale, ciò non significa che l’apprezzamento della gravità e dell’improseguibilità del rapporto debba essere necessariamente condizionato dal comportamento tenuto medio tempore tenuto dal ricorrente. La Pubblica amministrazione, sospendendo il procedimento disciplinare, legittimamente evita ogni giudizio sui fatti commessi, ma la loro gravità è destinata pienamente a riemergere, in tutta la sua portata ed in ogni aspetto, una volta che, con il giudicato, essi si abbiano per definitivamente accertati. Ne deriva che la regolare prosecuzione del rapporto dopo la sospensione del procedimento disciplinare non esclude la possibilità di valorizzare i fatti contestati anche quale ragione di licenziamento in tronco, se da essi, in sé considerati, discenda una valutazione che avvalori la conclusione in ordine alla rottura del rapporto fiduciario. In definitiva il giudizio sull’incidenza dei reati commessi sul rapporto fiduciario resta valutazione di merito, nel caso di specie non implausibilmente fondata sulla gravità dei fatti e sulle peculiarità del lavoro pubblico, sotto il profilo del rispetto della legalità e senza che sia necessariamente decisivo quanto accaduto o il comportamento positivamente serbato dall’incolpato nella pendenza degli accertamenti penali.

Fatto

La Corte d’Appello di Trento ha rigettato il gravame proposto da un lavoratore avverso la sentenza del Tribunale di Rovereto con la quale era stata respinta l’impugnativa del licenziamento disciplinare intimato al predetto dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (di seguito, INPS), quale conseguenza del reato di abuso sessuale a danno di minori, commesso fuori dal servizio e non attinente in via diretta al rapporto di lavoro, ma ritenuto tale da non consentirne neanche provvisoriamente la prosecuzione.

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego - Guida alla corretta applicazione della disciplina dopo i nuovi Contratti Nazionali di Lavoro

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego - Guida alla corretta applicazione della disciplina dopo i nuovi Contratti Nazionali di Lavoro

Livio Boiero, 2020 (III Edizione), Maggioli Editore
Come in qualsiasi rapporto di lavoro subordinato, il contratto del dipendente della Pubblica Amministrazione prevede il diritto del datore di lavoro di esercitare un potere disciplinare, di natura sanzionatoria, a fronte di comportamenti del lavoratore che costituiscono inosservanza degli...

68,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *