L'esperto risponde - Quesito

» Data

20 luglio 2020

» Quesito

Il bando di concorso per titoli ed esami per la copertura di n. 3 posti di Istruttore amministrativo ? Categoria C1, con riferimento alla valutazione dei titoli di servizio prevede quanto segue: ?I complessivi 4 punti disponibili per la valutazione dei titoli di servizio sono così attribuiti al lavoro prestato presso la Pubblica Amministrazione: a) in profilo professionale attinente a quello della presente selezione Punti 1,00 per anno b) in categoria diversa da quella della presente selezione Punti 0,50 per anno Le frazioni di anno sono valutate in ragione mensile, considerando come mese intero periodi continuativi di giorni 30 o frazioni superiori a quindici giorni. I periodi di servizio prestato a tempo parziale sono valutati proporzionalmente all?orario di lavoro previsto dal CCNL.? Il candidato Tizio ha indicato come titoli di servizio resi nel profilo professionale della categoria immediatamente inferiore rispetto a quella del posto messo a concorso o equivalente, diversi incarichi a tempo determinato come docente di sostegno in alcuni istituti superiori (liceo artistico, istituto tecnico professionale, ecc.) per una durata complessiva di n. 2 anni e 28 giorni. Il candidato Caio ha indicato come titolo di servizio reso nel profilo professionale della stessa categoria o categoria immediatamente superiore rispetto a quella del posto messo a concorso o equivalente, un incarico a tempo determinato come istruttore amministrativo presso l?Unione Italiana Tiro a Segno Federazione Sportiva (Ente pubblico non economico) per una durata complessiva di n. 14 anni. Tanto premesso, si chiede di conoscere se i titoli di servizio posseduti dai candidati in questione siano o meno configurabili come lavoro prestato presso la Pubblica Amministrazione e, in caso di risposta affermativa, in quale modo debbano essere valutati in base ai criteri indicati nel bando di concorso.

» Risposta

 


L’art.1 comma 2 del d.lgs. 165/01 prevede che “Per amministrazioni pubbliche si intendono tutte le amministrazioni dello Stato, ivi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative, le aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane, e loro consorzi e associazioni, le istituzioni universitarie, gli Istituti autonomi case popolari, le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni, tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali, le amministrazioni, le aziende e gli enti i del Servizio sanitario nazionale, l'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (ARAN) e le Agenzie di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300. Fino alla revisione organica della disciplina di settore, le disposizioni di cui al presente decreto continuano ad applicarsi anche al CONI”.


Nel caso di specie, pertanto, sia gli istituti superiori sia l’ente pubblico economico (Unione italiana di Tiro a segno) rientrano nel novero di pubblica amministrazione. Per il posto di istruttore amministrativo di categ. C1 il docente di sostegno non rientra nel profilo professionale richiesto (istruttore amministrativo), ma potrebbe rientrare secondo il DPCM 26/06/2015 in qualità di docente nell’area III-F1 del comparto ministeri (corrispondente alla categoria D1 enti locali) se laureato e area II-F2 se diplomato (corrispondente alla Cat. B3 enti locali). Nel secondo caso il periodo di servizio nell’ente pubblico non economico dovrebbe essere equiparato a quello del posto messo a concorso dovendo corrispondere alla cat. B2 del suo comparto