Questo articolo è stato letto 1.573 volte

Il pubblico impiego nella nuova fase della emergenza Coronavirus

Approfondimento di Carlo Dell'Erba

Lavoro pubblico: le più recenti indicazioni della Corte di Cassazione

Nella organizzazione interna delle PA e nel rapporto di lavoro dei dipendenti pubblici non vi sono novità legate al passaggio alla cd. “Fase 2″: di conseguenza continuano ad applicarsi le disposizioni dettate per la emergenza Coronavirus, con particolare riferimento a quanto stabilito dal d.l. n. 18/2020. Le amministrazioni devono dare attuazione alle regole dettate nel protocollo stipulato tra le parti sociali contiene utili riferimenti anche per il pubblico impiego. Sono stati forniti utili chiarimenti per l’applicazione della indennità per l’ordine pubblico ai vigili urbani. Sono questi gli elementi di maggiore rilievo da mettere in evidenza in tema di incidenza sul lavoro pubblico della emergenza epidemiologica da Coronavirus nella attesa che con l’emanando decreto legge siano introdotti elementi di novità e di adeguamento anche per le PA e per i dipendenti pubblici.

Le conseguenze della nuova fase di contrasto al Coronavirus

Alle amministrazioni pubbliche devono continuare ad essere applicate le disposizioni dettate dal d.l. n. 18/2020, a partire da quanto stabilito dall’articolo 87, e più in generale dalle norme sulla emergenza da epidemia da Covid-19. Di conseguenza, a partire da lunedì 4 maggio non si è entrati in una fase 2 nel pubblico impiego, con particolare riferimento al rientro dei dipendenti pubblici negli uffici. Sono le singole amministrazioni che possono, anche in considerazione dell’allentamento dei vincoli contenuti nel D.P.C.M. dello scorso 26 aprile, assumere delle iniziative per la propria organizzazione interna e per la utilizzazione dei propri dipendenti. Se le disposizioni non cambiano, invece, dal 16 maggio -cioè dalla scadenza del termine di sospensione dei procedimenti amministrativi- le attività delle PA dovrebbero essere significativamente incrementate.
Continuano ad essere pienamente in vigore le disposizioni per quali nel pubblico impiego il lavoro agile continua a restare la forma ordinaria di svolgimento delle prestazioni lavorative: questa previsione si applica attualmente fino alla scadenza del termine della emergenza sanitaria, quindi ad oggi fino al 31 luglio. Sulla base di questa previsione sappiamo che la presenza presso gli uffici o le sedi in cui l’attività viene ordinariamente svolta, deve essere garantita solamente dai dipendenti…

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>