Questo articolo è stato letto 146 volte

Comunicazione pubblica: presto al via la riforma della legge 150/2000

Concorsi pubblici: prove sui territori e con strumenti digitali

La persona al centro del rapporto con la Pubblica Amministrazione: è l’obiettivo chiave del mio mandato, da raggiungere anche grazie al ruolo imprescindibile del digitale. La comunicazione pubblica gioca su questo terreno una partita fondamentale: l’importanza dei “new” e dei “social media” impone un profondo ripensamento delle norme di riferimento, che parta dal riconoscimento e dalla valorizzazione delle nuove professionalità in campo”. Ad affermarlo è stato il ministro per la Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone dopo aver incontrato Sergio Talamo, coordinatore del Gruppo di lavoro sulla riforma della vecchia legge 150/2000 (“Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni”). Gruppo di lavoro, aggiunge Dadone: “da me istituito per raccogliere i contributi di tutti gli stakeholder qualificati. I tavoli hanno condotto alla stesura di un documento di sintesi e di indirizzo per l’intervento normativo“.

Il titolare del dicastero della Funzione pubblica ha poi annunciato: “Lo presenteremo nei prossimi giorni, chiudendo così il primo importante step sul percorso che ci porterà finalmente a riconoscere il valore profondo dell’interazione, ormai immediata e continua, tra le amministrazioni e i cittadini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>