Questo articolo è stato letto 371 volte

Violazione ordine di servizio

decesso_lavoratore

La Corte di Cassazione, in una recente sentenza, afferma che hanno diritto al risarcimento i parenti di un dipendente deceduto in seguito a complicazioni cardiache nel caso in cui, nonostante le precarie condizioni di salute, aveva continuato a svolgere regolarmente le proprie funzioni, ignorando il diverso ordine di servizio datogli dal datore di lavoro.

L’art. 2087 c.c. pone in capo al datore di lavoro un preciso obbligo di controllare che il lavoratore, nell’esercizio dell’attività, osservi le prescrizioni datoriali concernenti l’esecuzione della prestazione in condizioni di sicurezza.

LEGGI LA SENTENZA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>