Questo articolo è stato letto 268 volte

Violazione di disposizioni di servizio e pubblicazione del codice disciplinare

Approfondimento di R. Squeglia

potere disciplinare

Tra i limiti sostanziali all’esercizio del potere disciplinare, tradizionalmente individuati in dottrina ed in giurisprudenza, figura la predeterminazione del codice disciplinare e la sua pubblicità. Non è qui il caso di soffermarsi ad analizzare il ponderoso filone giurisprudenziale che, nel corso degli anni, ha affrontato l’ampia casistica in materia; ciò non solo per ovvie esigenze di brevità, ma anche e soprattutto perché, nel precipuo campo di interesse della Rivista che ci ospita, ovverosia il pubblico impiego privatizzato, la questione è stata senza dubbio semplificata dall’entrata in vigore del decreto legislativo n. 150/2009 (c.d. Decreto Brunetta).
Se infatti è vero che per un verso il dato normativo (art. 7 comma 1 della legge n. 300/1970) e quello contrattuale (art. 3 comma 10 del CCNL dell’11 aprile 2008 del comparto Regioni – autonomie locali) convergono nel senso dell’obbligatorietà dell’affissione, a pena di nullità assoluta della sanzione, è altrettanto indubitabile che sul punto ha sensibilmente inciso la nuova disciplina, alleggerendo in maniera considerevole l’onere di pubblicità sancito dalla disposizioni appena innanzi citate.
L’art. 55, comma 2, ultimo periodo, del D. Lgs. n. 165/2001, siccome innovato sul punto dal D. Lgs. n. 150/2009, ha infatti stabilito che la pubblicazione del codice disciplinare sul sito internet istituzionale equivale all’affissione dello stesso all’ingresso della sede di lavoro. Di fatto, con un semplice adempimento, l’Amministrazione procedente può risolvere il problema pratico dell’affissione e della garanzia della perdurante conoscenza della pubblicazione del codice in ciascuna sede di lavoro. Al contempo, consente l’effettiva possibilità per tutti i dipendenti di accedervi in maniera quasi gratuita e, tenuto conto dell’ormai capillare diffusione della rete internet, estremamente semplificata ed efficace.
Ciò premesso, l’arresto che si segnala (n. 54 del 3 gennaio 2017) rileva in quanto il Collegio si occupa di uno specifico problema connesso alla pubblicazione del codice disciplinare, ovverosia quello di sanzione irrogata a seguito della violazione di specifiche norme di attività, imposte dal datore di lavoro, ma non recepite nel codice disciplinare ritualmente pubblicata.

Continua a leggere l’articolo

Per maggiori approfondimenti, CONSULTA lo SPECIALE sul POTERE DISCIPLINARE

Ti consigliamo il VOLUME:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>