Questo articolo è stato letto 106 volte

Videosorveglianza sui lavoratori: reato installare impianto senza accordo

computer_lavoro_mail_controllo

Installare un impianto di videosorveglianza in azienda senza aver siglato preventivamente un accordo con il sindacato, anche se i lavoratori hanno dato il loro consenso, costituisce reato secondo la Cassazione.
La sentenza n. 22148/2017 interviene sul tema del controllo a distanza dei lavoratori stravolgendo l’orientamento giurisprudenziale fornito in precedenza, secondo il quale si esclude il reato nel momento in cui il datore chiede il consenso preventivo ai suoi dipendenti pur non avendo raggiunto un accordo sindacale.

Per i giudici della Suprema Corte lo Statuto dei lavoratori tutela un bene di natura collettiva e non individuale, poiché i singoli lavoratori non hanno forza per una trattativa alla pari con il datore.
Questa motivazione sta a significare che chi installa un impianto di videosorveglianza senza cercare ed ottenere l’accordo con le rappresentanze sindacali danneggia gli interessi dei lavoratori, commette un illecito penale e detiene una condotta antisindacale.

LEGGI LA SENTENZA

 

Ti consigliamo il VOLUME:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>