Questo articolo è stato letto 0 volte

Via libera alla riforma della Pa: ecco le novità

La riforma della Pubblica Amministrazione è legge, dopo oltre un anno dal suo annuncio in Consiglio dei ministri e tre passaggi parlamentari. Un lungo percorso che si è concluso con il via libera definitivo al Senato, dove a sorpresa il numero è stato assicurato grazie alle opposizioni. Un’approvazione arrivata quindi con un pizzico di suspance ma comunque senza mai fare ricorso alla fiducia. Ecco che il premier Matteo Renzi parla di «un altro tassello» messo a posto, non facendo così mancare un «abbraccio agli amici gufi». 

Il ministro della P.A, Marianna Madia, guarda già avanti, a quella che sarà la vera partita: il lavoro «continua» e punta dritto ai «decreti attuativi», circa una ventina, o poco meno. L’obiettivo è presentare un primo pacchetto di provvedimenti applicativi già a settembre, con misure di semplificazione e Spending Review: in ballo c’è il taglio delle partecipate. 

Intanto con 145 favorevoli, 97 contrari e nessun astenuto il ddl P.A. conclude a palazzo Madama la staffetta parlamentare, senza modifiche rispetto al testo uscito a metà luglio dalla Camera. L’approvazione è giunta anche in anticipo, si prevedeva di finire tra mercoledì e giovedì. Un’accelerazione che faceva prefigurare un iter senza inciampi, ma proprio nel momento clou, quando si è passati al voto finale ci si è accorti che in Aula per un soffio non si è andati sotto il numero legale (150 presenza minime). 

La sola maggioranza non sarebbe quindi stata in grado di assicurare la soglia necessaria e per questo è risultato indispensabile il voto, seppure contrario, delle opposizioni. «Renzi attacca amici gufi, ma dovrebbe ringraziare Lega, FI e Movimento 5 Stelle», commenta il senatore di Fi Francesco Giro. D’altra parte, in occasione del primo ok del Senato, le opposizioni avevano provato a far saltare l’approvazione uscendo dall’Aula, ma poi, anche per un solo voto, il loro tentativo fallì. Comunque, in questi casi, quel che si può ottenere di norma è solo uno slittamento del via libera. 

Archiviato questo fronte, se ne apre però un altro: l’attuazione. La maggior parte dei punti cardine della riforma passa infatti per l’esercizio di una delega: dal riordino della dirigenza alla riduzione della camere di commercio, passando per la svolta digitale, la revisione dei concorsi pubblici e la stretta sulle assenze. Ma non mancano anche misure auto-applicative: dal nuovo meccanismo del silenzio assenso, al ringiovanimento dell’avvocatura dello Stato, incluse le misure per la conciliazione dei tempi di vita e lavoro. 

Tuttavia, mese più mese meno, Madia garantisce che «tutti i decreti» arriveranno per «fine anno». E sottolinea tra i punti di maggiore forza della riforma il «taglio agli sprechi» che porterà «a pagare meno tasse». Non è d’accordo il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, per cui il ddl dà «uno straordinario potere alla politica». E le sigle sindacali della P.A. lanciano tutte insieme un avvertimento: «Il lavoro pubblico non sarà il bancomat del governo per una, anche questa illusoria, riduzione delle tasse». Al contrario esprime «soddisfazione» Confindustria, secondo cui si va verso «un’amministrazione pubblica più rapida» ma anche «più snella». 

Tornando alle opposizioni, pur facendo da “stampella” alla maggioranza, hanno riservato duri giudizi sul ddl: per M5s si tratta «solo di tagli e deleghe in bianco», sulla stessa linea Sel mentre secondo Ln è semplicemente «un grande libro dei sogni». Voto contrario anche di Ala, che lamenta la mancata estensione del Jobs act agli statali .

Ecco le principali novità  

– TRASPARENZA: accesso libero ai documenti e ai dati della pubblica amministrazione  

– DIGITALIZZAZIONE: viene introdotta la “carta della cittadinanza digitale”, gestita da un dirigente ad hoc.  

– LICENZIAMENTI PIÙ FACILI: in caso di azione disciplinare obbligo di portare a termine la pratica, compreso il ricorso alla sanzione più grave.  

– LICENZIANBILITA’ DEI VERTICI: basta incarichi dirigenziali che possano essere ricoperti senza preoccupazione di rimozione. Viene infatti introdotto il criterio della valutazione. Se questa è negativa, due le possibilità: o lasciare l’amministrazione dello Stato, o accettare di passare da un incarico di dirigente a quello di funzionario. Inoltre viene introdotta la revoca o il divieto dell’incarico in settori esposti al rischio corruzione, quando c’è una condanna (anche non definitiva) da parte della Corte dei Conti al risarcimento del danno erariale per condotte dolose.  

– ABOLITO IL VOTO MINIMO DI LAUREA: con un emendamento presentato dal Pd e votato la notte scorsa, viene abolito il requisito del voto minimo di laurea per partecipare ai pubblici concorsi.  

– LOTTA ALL’ASSENTEISMO: passano dalle Asl all’Imps le funzioni di controllo sulle malattie.  

– FUSIONE DEL CORPO FORESTALE con un’altra forza dello stato, come i carabinieri. Si prevede inoltre un riordino di tutte le forze.  

– PARTECIPATE: più facile il commissariamento. Drastica riduzione delle camere di commercio.  

– PREFETTURE: stessa sorte delle partecipate. Eliminazione anche degli uffici ridondanti tra ministeri e enti di controllo e garanzia.  

– GRANDI OPERE: semplificate le pratiche burocratiche per i cantieri. Si calcola un dimezzamento dei tempi.  

– NUMERO UNICO PER EMERGENZE: è il 112 e varrà per tutti i tipi di problema o emergenza.  

– LIBRETTO UNICO AUTO: grazie al previsto trasferimento del Pubblico registro automobilistico (Pra), retto dall’Aci, al ministero dei Trasporti, a cui fa capo la Motorizzazione, si punta alla creazione di unica banca dati per la circolazione e la proprietà, con un solo libretto 

Fonte: La Stampa

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>