Questo articolo è stato letto 0 volte

Tagli di aumenti, non tagli

La Camera ha annunciato di voler ridurre l’indennità dei 630 deputati. Ma non si sa ancora di quanto. O meglio si sa che sarà tagliato l’aumento (circa 700 euro netti) che sarebbe derivato dal passaggio dal sistema vitalizio al contributivo.

Il comunicato si diffonde a spiegare che nel corso della legislatura i diversi interventi hanno portato a riduzioni tra 1.250 e 1.500 euro. Ma di tagli veri dell’indennità di 11.200 euro mensili non ce ne sono. Il comunicato spiega che i rimborsi per il 50% d’ora in poi dovranno essere motivati da ricevute; che la diaria sarà ridotta di 500 euro e agganciata alla presenza effettiva; che le spese di collegio saranno tagliate di 500 euro.

È una operazione-trasparenza ancora poco trasparente. E poi: perché gli importi tagliati alle indennità dei parlamentari dovranno confluire in un fondo a parte? Dov’è il risparmio?

Fonte: IL SOLE 24ORE

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>