Questo articolo è stato letto 565 volte

Successione di contratti a tempo determinato

contratti_collettivi

Anche nel caso di stipulazione, da parte della medesima p.a., di numerosi e successivi contratti di lavoro a tempo determinato aventi ad oggetto il conferimento dell’incarico di dirigente, non è possibile ottenere il riconoscimento del diritto alla conversione del rapporto di lavoro da tempo determinato, in rapporto di lavoro a tempo indeterminato.
Infatti, il quinto comma dell’art. 36 del d.lgs. n. 165 del 2001 dispone che “in ogni caso, la violazione di disposizioni imperative riguardanti l’assunzione o l’impiego di lavoratori, da parte delle pubbliche amministrazioni, non può comportare la costituzione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato con le medesime pubbliche amministrazioni, ferma restando ogni responsabilità e sanzione. Il lavoratore interessato ha diritto al risarcimento del danno derivante dalla prestazione di lavoro in violazione di disposizioni imperative …” .

Leggi la SENTENZA del TAR Abruzzo, L’Aquila, 8.8.2016, n. 477

 

Novità editoriale

riforma_madia_Pubblico_impiego

Riforma Madia e pubblico impiego

di Luigi Oliveri

–  Dirigenza pubblica 
Inquadramento › Accesso › Formazione › Mobilità
Incarichi › Responsabilità › Retribuzione
–  Conciliazione tempi di vita e lavoro
Telelavoro › Co-working › Smart-working
–  Riordino disciplina del lavoro
Concorsi › Competenze Aran › Visite mediche
Integrazione disabili › Lavoro flessibile
Ricambio generazionale › Sistemi di valutazione

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>