Questo articolo è stato letto 0 volte

Statali, su tagli ed esuberi round governo-sindacati

Tagli agli organici nei ministeri, mobilità ed eventuali esuberi a livello territoriale. Dal raccordo tra la prima fase di spending review e il secondo ciclo di revisione della spesa in arrivo, con cui scatterà una nuova ondata di soppressioni di enti pubblici strutture collegate a Comuni e Province, riparte questa mattina il confronto tra il ministro della Pubblica amministrazione, Filippo Patroni Griffi, e sindacati sul pubblico impiego. Resta poi sullo sfondo il nodo dell’armonizzazione della riforma Fornero sul lavoro privato con quella del lavoro statale, che è indicata anche tra le priorità dell’Agenda per la crescita stilata da Mario Monti il 24 agosto scorso.
La questione più urgente rimane la definizione delle piante organiche, con conseguente individuazione degli esuberi, nei ministeri e negli enti pubblici per dare attuazione ai previsti tagli della prima spending review: -20% per i dirigenti e -10% per gli altri dipendenti. Il Governo deve emanare entro il 31 ottobre il decreto per la definizione degli organici e ha già stimato in 24mila gli esuberi: 11mila nei dicasteri e 13mila negli enti territoriali (Regioni escluse). Un dato che non convince i sindacati, che per fine mese hanno già proclamato uno sciopero (Cisl esclusa) contro il pacchetto spending review.
L’operazione di ridefinizione degli organici non appare semplicissima visto che l’asticella posta dalla prima fase di revisione della spesa è sostanzialmente mobile: le amministrazioni con organici già ridotti potranno tagliare un po’ meno del previsto e quelle con un numero consistente di dipendenti dovrebbero operare una più marcata scrematura. Non solo: c’è poi il problema degli esuberi nei grandi enti pubblici (Inail e SuperInps) e di quelli che potranno emergere per effetto della prevista riduzione delle Province e conseguente razionalizzazione di Prefetture, Questure e uffici scolastici attesa con la “fase due” della spending review.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>