Questo articolo è stato letto 0 volte

Statali, precari salvi fino a luglio Province congelate e stop agli sfratti

DAL SALVATAGGIO dei precari della Pubblica amministrazione al blocco degli sfratti, dal congelamento di un anno della riforma delle Province allo stop al taglio delle tasse derivante dalla riduzione dello spread e a un piano per vendere, dopo 50 anni di concessioni, i beni immobiliari dello Stato. Sono i principali emendamenti alla legge di Stabilità inseriti ieri dalla Commissione Bilancio del Senato che dovrebbe concludere i lavori domani e far approdare martedì il testo in aula per il voto di fiducia prima del passaggio finale alla Camera. Ma vediamo, punto per punto, le novità. Precari e sfratti. Arriva la proroga per salvare i circa 280mila precari della Pubblica amministrazione (fino al 31 luglio, fatto salvo un accordo sindacale) e una, sempre di sei mesi, per gli inquilini sotto sfratto. Ai precari con almeno 3 anni di servizio potranno essere riservati fino al 40% dei posti banditi nei concorsi. Patto di stabilità più leggero. Trovati 850 milioni per allentare il Patto di stabilità: 450 milioni andranno ai Comuni, 150 alle Province mentre altri 250 serviranno ad ammorbidire i tagli già effettuati. Apprezziamo lo sforzo del Governo, ma non basta», ha commentato il sindaco di Roma Gianni Alemanno. «Senza azzerare i 2 miliardi di spending review i Comuni nel 2013 non chiuderanno i loro bilanci». Tesi condivisa dall’Anci. Niente tagli lineari, inoltre, sui fondi dell’Expo 2015 e gestione più veloce delle opere. Cassa in deroga e ricongiunzioni onerose. Trasformazione in gratuite delle ricongiunzioni pensionistiche onerose dall’ex Inpdap all’Inps. Sale a 1,7 miliardi la dote per le casse in deroga mentre è stato bloccato il prelievo del 2,5% per il Tfr dei dipendenti pubblici. Province. Riforma sospesa per un anno. Ma non ci saranno elezioni anche nel 2013 bensì la nomina di un commissario straordinario per la gestione provvisoria. Congedi & fatture. I congedi parentali dei genitori potranno essere anche «su base oraria» e arriverà la fattura elettronica. Montepaschi. Slitta al primo marzo 2013 il termine entro il quale la banca senese potrà emettere le obbligazioni da vendere al Tesoro, i cosiddetti Monti-Bond. Tasse e immobili pubblici. Il risparmio degli interessi dovuto alla discesa dei tassi sui titoli pubblici per l’effetto spread non affluirà al Fondo per il calo delle tasse. Anche il recupero dei contributi previdenziali sarà utilizzato a fini pensionistici. Locatori e concessionari di immobili pubblici, attribuiti per 50 anni, avranno un diritto di prelazione a valori di mercato. Pioggia di proroghe. Infine, con un emendamento che assorbe il decreto milleproroghe, è stata votata la proroga di 32 norme. Il rinvio riguarda anche giudici onorari e di pace in scadenza e l’aumento delle tasse (dal 4 al 4,5%) sulle vincite sotto i 500 euro e le multe per gli spot tv e radio sui giochi d’azzardo e sui titolari di giochi non in regola.

Fonte: Il Giorno

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>