Questo articolo è stato letto 2 volte

Statali, il ministro chiede tagli e prepensionamenti

Sacrifici in cambio di efficienza con la promessa di far «rinascere» il Paese: lo chiede ai milioni di statali il ministro della Funzione Pubblica Filippo Patroni Griffi, che sta mettendo a punto un pacchetto di novità per il pubblico impiego. Un taglio del 5% degli organici ma anche una riduzione delle retribuzioni e una sorta di «prepensionamento» per i dirigenti nonché una sforbiciata ai buoni pasto e interventi sul fronte del turn over: sarebbero queste alcune delle misure alle quali sta lavorando il governo, che sarebbe pronto a vararle entro la fine del mese.
Fermo, però, l’altolà della Cgil che con Susanna Camusso avverte: «Tagliare le retribuzioni pubbliche non è fare spending review». Dopo il via libera del Consiglio dei ministri al decreto legge sviluppo, viene spiegato, si apre una nuova fase che porterà a rivoluzionare il sistema della Pubblica amministrazione ridisegnandone il profilo.

Fonte: L'Eco di Bergamo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>