Questo articolo è stato letto 51 volte

Spoils system e nomine tecniche – Il Commento di G. Crepaldi

nomina-incarico

di G. Crepaldi

E’ illegittimo il provvedimento con il quale il Presidente della Regione Siciliana ha disposto il ritiro della designazione di un soggetto quale componente laico della Sezione consultiva del Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione, indicando quale ragione giustificativa del ritiro quella della “natura fiduciaria dell’atto di designazione” e della “cessazione del mandato del soggetto designante”, nonché facendo generico riferimento ad un “mutamento della situazione di fatto che ha determinato una nuova valutazione dell’interesse pubblico originario”.
E’ questa la ratio decidendi della recente pronuncia del Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, sez. giurisdizionale, n. 163 del 16 giugno 2016, che opera una importante distinzione tra nomine fiduciarie e nomine tecniche.
Già in primo grado l’atto di ritiro veniva annullato in quanto le disposizioni regolanti l’esercizio del potere di nomina dei componenti laici del Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana escludono del tutto una possibile incidenza di profili connessi alla persona del designante, o alla maggioranza politica di cui lo stesso sia espressione. Trattandosi di nomina ad una funzione giustiziale, le disposizioni richiamate hanno riguardo unicamente a profili di idoneità tecnico-professionale, nonché a requisiti di terzietà, indipendenza ed autonomia regolati da altre disposizioni del medesimo articolato normativo, con la conseguenza che la compatibilità costituzionale della figura prevista dall’autonomia speciale è subordinata al rigoroso rispetto del ridetto principio di terzietà, indipendenza ed autonomia. Un potere di nomina funzionale non all’interesse pubblico ad un corretto esercizio della funzione giustiziale, ma al legame personale o politico fra l’amministrazione regionale designante ed il designato, smentirebbe in radice tale posizione di terzietà (effettiva ed apparente).

Continua a leggere l’articolo

 

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

 

 

 

 

CORSO audio video online a cura dell’Avv. Donato Antonucci

Il licenziamento disciplinare dei dipendenti pubblici alla luce del Decreto attuativo della riforma Madia

>> CLICCA QUI per consultare il PROGRAMMA <<

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>