Questo articolo è stato letto 352 volte

Spesa del personale e spesa corrente: nessuna sanzione per violazione del rapporto nell’anno 2015

Approfondimento di V. Giannotti

spesa del personale

Il legislatore è intervenuto con il decreto enti locali (d.l.113/2016) nel solo mese di giugno 2016 abrogando le disposizioni contenute all’art.1 comma 557, lettera, a) della legge 296/2006 che imponevano agli enti locali il rispetto del rapporto tra spesa di personale e spesa corrente inferiore al medesimo rapporto riferito al triennio 2011-2013 e, in caso di violazione nell’anno 2015 del citato rapporto, il divieto nell’anno successivo sia di assunzioni a qualsiasi titolo (all’art.76, comma 4, del D.L. 112/2008) sia l’azzeramento della parte variabile delle risorse decentrate (comma 3-quinquies, dell’art. 40 del d.lgs. 165/2001). I dubbi sollevati da un Comune, in merito all’apparato sanzionatorio, riguardano due diverse interpretazioni nei confronti dei comuni non rispettosi del parametro nell’anno 2015:

  • La prima avuto riguardo a chi sostiene che l’Ente dovrebbe soggiacere alla sanzione perché l’abrogazione opera solo dal momento in cui è assunta e spiegherebbe i suoi effetti solo per il futuro (anno 2016 e seguenti);
  • La seconda che, invece, sostiene che le Amministrazioni che nel 2015 non abbiano registrato la riduzione del rapporto tra spesa di personale e spese correnti di cui alla norma abrogata, non sono soggette al divieto assunzionale richiamato dal citato comma 557-ter.

La soluzione al quesito posto da un Comune, in merito alle sanzioni applicabili ai comuni non rispettosi del parametro legislativo successivamente abrogato dal legislatore, è contenuta nella deliberazione 22/12/2016 n. 386 della Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per il Veneto che qui di seguito si commenta.

LA POSIZIONE DELLA SEZIONE DELLE AUTONOMIE
Rilevano in via preliminare i giudici contabili, come sulla questione del rispetto delle disposizioni sul contenimento delle spese del personale sia intervenuta la Corte dei conti, Sezione delle Autonomie, con la deliberazione 02/05/2016 n.16 precisando che “Alla luce della normativa introdotta dalla legge di stabilità 2016 e del nuovo sistema di armonizzazione contabile, deve confermarsi la vigenza e la cogenza delle disposizioni dettate dall’art. 1, comma 557 e ss., l. n. 296/2006 in materia di riduzione delle spese di personale. 2. Secondo la vigente disciplina in materia di contenimento della spesa del personale permane, a carico degli enti territoriali, l’obbligo di riduzione di cui all’art. 1, comma 557, l. n. 296/2006, secondo il parametro individuato dal comma 557-quater, da intendere in senso statico, con riferimento al triennio 2011-2013.”

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>