Questo articolo è stato letto 1 volte

«Scure sugli statali» Patroni Griffi studia il piano

SACRIFICI in cambio di efficienza, con la promessa di far «rinascere il Paese». Lo chiede ai milioni di statali il ministro della Funzione pubblica, Filippo Patroni Griffi (Ansa), che sta mettendo a punto un pacchetto di novità per il pubblico impiego: taglio del 5% degli organici, riduzione delle retribuzioni, una sorta di prepensionamento per i dirigenti, nonché una sforbiciata ai buoni pasto e interventi sul fronte del turnover. Misure, queste, alle quali sta lavorando il Governo che sarebbe pronto a vararle entro la fine del mese.
NETTO l’altolà della Cgil che con Susanna Camusso avverte: «Tagliare le retribuzioni pubbliche non è fare spending review». Ma dopo il via libera del consiglio dei ministri al decreto sviluppo, per il Governo si apre la fase di rivoluzione del sistema della pubblica amministrazione. UNO dei primi capitoli da affrontare è quello delle Province, 107 amministrazioni sulle quali si può intervenire (al netto delle tre a statuto speciale): l’obiettivo minimo sarebbe tagliarne il 20%, quelle sotto i 300mila abitanti. Una riduzione che coinvolgerebbe automaticamente anche le prefetture, gli istituti scolastici e forse anche le questure. Nel piano, poi, ci sarebbe la creazione di consorzi di Comuni nonché l’accorpamento di numerosi enti. Stando a calcoli dell’Unione delle province italiane il risparmio totale supererebbe i 3 miliardi.

Fonte: Il Giorno

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>