Questo articolo è stato letto 166 volte

Sanzioni disciplinari e condotta extra-lavorativa

Approfondimento di G. Crepaldi

licenziamento

La sanzione disciplinare può trovare la sua causa in condotte extra-lavorative: talora può giustificarsi e risultare proporzionata la sanzione estintiva del rapporto di lavoro.
Così in un recente caso venuto all’esame della Corte di Cassazione, sez. lavoro, 1° dicembre 2016 n. 24566 che conferma la legittimità del licenziamento del dipendente per “detenzione, in ambito extra-lavorativo, di un significativo quantitativo di sostanze stupefacenti a fine di spaccio”.
Il lavoratore, infatti, è tenuto non solo a fornire la prestazione richiesta ma anche a non porre in essere, fuori dell’ambito lavorativo, comportamenti tali da ledere gli interessi morali e materiali del datore di lavoro o da comprometterne il rapporto fiduciario, il cui apprezzamento spetta al giudice di merito (Cass., sez. lav., 6 agosto 2015 n. 16524; Cass., sez. lav., 31 luglio 2015 n. 16268; Cass., sez. lav., 19 gennaio 2015 n. 776).
La casistica esaminata dalla giurisprudenza è molto varia: tra i casi più noti, quello del poliziotto in congedo ordinario sorpreso fuori dal servizio verso le ore 3 del mattino in abbigliamento femminile, pesantemente truccato e con vistosa parrucca nera (Tar Lazio, sez. I ter, 15 novembre 2001 n. 9459), al caso dell’insegnante, trasferita per incompatibilità ambientale, che intratteneva varie relazioni intime con i colleghi.
Abolito il requisito, e il relativo certificato, di buona condotta che un tempo si chiedeva ai pubblici dipendenti, il comportamento fuori dal rapporto di lavoro e nell’ambito della sua vita privata, dunque, rileva ancora e può dar luogo all’applicazione di sanzioni disciplinari.
Ciò avviene, ben s’intenda, solo quando tale comportamento finisca per influire sul decoro della pubblica amministrazione nonché sulla stessa affidabilità del soggetto interessato.

Continua a leggere l’articolo

 

Ti consigliamo il volume:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>