Questo articolo è stato letto 219 volte

Ricongiungimento dei genitori-lavoratori con figli minori di tre anni

Approfondimento di G. Crepaldi

le-novita-in-materia-di-tutela-e-sostegno-della-maternita-e-della-paternita-introdotte-con-le-leggi-n-922012-e-n-2282012-nonche-con-il-d-l-n-179-del-2012.jpeg

Con modifica realizzata dall’art. 3, comma 105, della legge finanziaria per l’anno 2004 (legge 24 dicembre 2003, n. 350) è stato inserito nel d.lgs. 26 marzo 2001 n. 151, Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, l’art. 42 bis, relativo all’assegnazione temporanea dei lavoratori dipendenti alle amministrazioni pubbliche.

La disposizione prevede che il genitore con figli minori fino a tre anni di età dipendente di amministrazioni pubbliche può essere assegnato, a richiesta, anche in modo frazionato e per un periodo complessivamente non superiore a tre anni, ad una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale l’altro genitore esercita la propria attività lavorativa, subordinatamente alla sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva e previo assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione.

L’eventuale dissenso deve essere motivato. L’assenso o il dissenso devono essere comunicati all’interessato entro trenta giorni dalla domanda. Il posto temporaneamente lasciato libero non si renderà disponibile ai fini di una nuova assunzione.

>> Continua a leggere l’articolo <<

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>