Questo articolo è stato letto 268 volte

Responsabilità per violazione della mobilità obbligatoria

mobilità

La Corte dei Conti Campania nella sentenza n. 311/2017 afferma che l’avere indetto una procedura concorsuale senza il rispetto del vincolo di cui all’articolo 34-bis del D.lgs. 165/2001, cioè senza la preventiva comunicazione al Dipartimento della Funzione Pubblica e allo specifico ufficio regionale per l’assegnazione di dipendenti pubblici in disponibilità, determina la maturazione di responsabilità amministrativa per tutti i danni causati all’ente dall’avere portato avanti una procedura che non doveva essere neppure avviata e che è stata oggetto di annullamento in autotutela.

Le norme stabilite dall’art. 34-bis del D.Lgs. n. 165/2001 sulla mobilità obbligatoria del personale sono vincolanti per tutte le PA che sono ad adempiere ad obblighi di comunicazioni, pena la nullità delle assunzioni che siano effettuate senza rispettarli.

LEGGI LA SENTENZA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>