Questo articolo è stato letto 461 volte

Produttività liquidata e non dovuta. Per la Cassazione il reato è il peculato e non la truffa aggravata

Approfondimento di V. Giannotti

peculato

L’oggetto di rinvio a giudizio e di successiva sentenza, prima del Tribunale penale e poi della Corte di appello, riguarda l’erogazione dei compensi di produttività al proprio personale dipendente da parte del dirigente del servizio finanziario, il quale attestava falsamente con proprie determinazioni l’avvenuta esecuzione delle attività ed il conseguimento del risultato apprezzabile dei progetti-obiettivo, in mancanza di qualsivoglia relazione finale o atto equipollente sull’espletamento dell’attività nei tempi previsti, sugli apporti individuali e sul risultato finale, nonché per aver attestato la conformità, invero inesistente, dei progetti-obiettivo alla legge.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>