Questo articolo è stato letto 1.022 volte

Procedimento disciplinare: perentorietà del termine per la contestazione di addebito

Approfondimento di R. Squeglia

licenziamento

La sentenza di merito (Tribunale di Trapani, sez. lavoro, del 12 maggio 2017) che oggi si segnala all’attenzione dei lettori, oltre all’indubbia valenza di verificare lo stato dell’interpretazione pretoria della complessa problematica dei termini che presidiano il procedimento disciplinare come modificato dal D. Lgs. n. 150/2009, merita l’evidenza anche perché rischia di essere una delle ultime applicazioni dell’art. 55 bis, nella versione ancora oggi vigente.
È infatti noto, agli avvertiti lettori, che il decreto legislativo di esercizio della delega conferita con la legge n. 124/2015, ha ampiamente riformulato l’impianto procedimentale, con un sostanziale ritorno al passato riattribuendo la maggior parte delle competenze all’Ufficio Procedimenti Disciplinari, che tratterà integralmente (quindi dalla contestazione all’attribuzione della sanzione) i procedimenti disciplinari con sanzione superiore al rimprovero verbale.
Rinviando, per un opportuno approfondimento, ai diversi interventi che la Rivista che ci ospita ha dedicato alla novella legislativa (di cui all’attualità non si conoscono ancora i tempi di entrata in vigore), merita sottolineare il dato, già messo in evidenza, per cui la significativa operazione di dequotazione dei vizi formali del procedimento non ha però riguardato (almeno così pare, da un primo esame del testo licenziato il 19 maggio u.s. dal Consiglio dei Ministri), i termini iniziali e finali dello stesso.
Ciò in ossequio al parere del Consiglio di Stato del 21 aprile 2017, che aveva osservato, alla luce di (peraltro estremamente condivisibili) considerazioni, come la “…previsione del nuovo comma 9-ter andrebbe ampiamente riconsiderata, suggerendo al Governo la conservazione della natura perentoria almeno dei due termini di inizio e di fine del procedimento, secondo un meccanismo analogo a quello dell’attuale art. 55-quater, comma 3-ter, del d. lgs. n. 165 del 2001, siccome rimodulato dal d. lgs. n. 116 del 2006”.

Continua a leggere l’articolo

Per maggiori approfondimenti, CONSULTA
lo SPECIALE sul
POTERE DISCIPLINARE

Consigliamo il CORSO di FORMAZIONE:

Assenze per malattia e procedimenti disciplinari: le novità introdotte dalla riforma Madia sul pubblico impiego

Videoconferenza in diretta a cura di Livio Boiero
Mercoledì 28 giugno 2017, ore 11.00-12.30

CONSULTA IL PROGRAMMA

Prezzi:
€ 69,00 + IVA
€ 59,00 + IVA per gli abbonati al servizio internet ilpersonale.it e alla rivista RU- Risorse Umane nella P.A.

ACQUISTALO SUBITO

Ti consigliamo anche il VOLUME:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>