Questo articolo è stato letto 330 volte

Procedimento disciplinare e audizione dell’incolpato

licenziamento

Corte di Cassazione Civile Lavoro 18/8/2016 n. 17166

Il datore di lavoro, il quale intenda adottare una sanzione disciplinare, non può omettere l’audizione del lavoratore incolpato ove quest’ultimo ne abbia fatto richiesta espressa contestualmente alla comunicazione, nel termine di cui alla legge n. 300 del 1970, art. 7, comma 5, di giustificazioni scritte, anche se queste siano ampie e potenzialmente esaustive.

L’art. 7 della L. n. 300 del 1970 prescrive, come garanzia procedimentale in favore del lavoratore al quale il datore di lavoro intenda applicare una sanzione disciplinare, che quest’ultimo non possa adottare alcun provvedimento disciplinare non solo senza aver preventivamente contestato l’addebito al lavoratore, ma anche “senza averlo sentito a sua difesa”. Perciò, un volta che l’espressa richiesta sia stata formulata in modo univoco dal lavoratore la sua previa audizione costituisce in ogni caso indefettibile presupposto procedurale, anche nell’ipotesi in cui il lavoratore, contestualmente alla richiesta di audizione a difesa, abbia comunicato al datore di lavoro giustificazioni scritte.

 

Per maggiori approfondimenti, consulta lo SPECIALE sul POTERE DISCIPLINARE

 

Ti consigliamo il volume:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa. Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”. Immagine 1

One thought on “Procedimento disciplinare e audizione dell’incolpato

  1. Il mio datore di lavoro risulta essere l’ingegnere comunale a capo dell’uff.tecnico dopo la contestazione di addebito sono stato pero ascoltato a mia difesa dal segretario comunale
    che non risulta essere il mio datore.
    e normale questa prassi e valida la sanzione poi successivamente applicata.
    grazie vinicio

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>