Questo articolo è stato letto 0 volte

Precariato nel pubblico impiego, la Confsal a palazzo Vidoni il 28/11 e il 3/12

Si è tenuto mercoledì 28 novembre il secondo incontro al tavolo di confronto aperto al Ministero della pubblica amministrazione e dell’innovazione con le organizzazioni sindacali rappresentative. Oggetto: gli interventi per il personale precario in servizio presso le pubbliche amministrazioni. La parte datoriale pubblica, guidata dal capo dipartimento del ministero, Antonio Naddeo, era composta da una delegazione ministeriale e da una delegazione della Conferenza delle Regioni, dell’Upi e dell’Anci, nonché dal presidente dell’Aran, Sergio Gasparrini.Per la Confsal erano presenti Fedele Ricciato, vicesegretario generale della confederazione autonoma e responsabile per il p.i., Sebastiano Callipo, segretario generale Confsal-Salfi, e Franco Giancarlo, segretario generale Confsal-Vigili del fuoco.Naddeo ha anticipato l’intenzione del ministro Patroni Griffi di presentare al Consiglio dei ministri di venerdì 30 novembre una proposta di emendamento alla legge di stabilità riguardante la proroga dei contratti a termine in scadenza dal 31.12.2012 in poi. Questa proroga, di almeno 7 mesi per i contratti in scadenza il 31.12.2012, potrebbe consentire in sede Aran di chiudere in tempi utili il negoziato sul lavoro flessibile nella pubblica amministrazione con la sottoscrizione di un accordo-quadro.L’emendamento dovrebbe anche contenere la previsione di una riserva di posti nei concorsi pubblici a favore di chi abbia svolto servizio nella pubblica amministrazione con contratti a termine. Per le altre tipologie contrattuali sarebbe prevista la valutazione dei titoli di servizio.Nel corso dell’incontro il capodipartimento ha comunicato i dati sul lavoro flessibile nel periodo 2007-2011 per i settori stato, scuola e regioni e autonomie locali. Il lavoro flessibile nell’anno 2011 (per un totale di 250.881 unità) risulta così distribuito: 14.893 nello stato, 135.936 nella scuola e 100.052 nelle regioni e autonomie locali.Subito dopo, le delegazioni sindacali hanno avuto modo di analizzare la situazione del precariato nel settore pubblico e di illustrare le loro proposte tecniche.La Confsal – preso atto della proposta ministeriale di proroga dei contratti a termine in scadenza dal 31.12.2012 in poi e dell’imminente emanazione dell’atto di indirizzo all’Aran per l’accordo-quadro sul lavoro flessibile nella pubblica amministrazione (legge Fornero) – ha sollecitato l’emanazione dell’atto di indirizzo all’Aran riguardo alle relazioni sindacali nel pubblico impiego (spending review).Lunedì 3 dicembre, sempre a palazzo Vidoni, il ministro Patroni Griffi ha confermato alle confederazioni sindacali l’impegno del governo già delineato nell’incontro del 28 novembre. Il ministro si è soltanto riservato la scelta dello strumento legislativo più consono alla riduzione dei tempi di emanazione, che potrebbe anche essere un emendamento alla legge di stabilità.

Fonte: Italia Oggi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>