Maggioli Editore
LOGIN ricorda Password dimenticata
  • www.ilpersonale.it su Google +
  • www.ilpersonale.it su Facebook
  • www.ilpersonale.it su Linkedin
  • Rss Feed

COMITATO DI REDAZIONE
Natalino Cappelli, Simona Oddo Casano, Enzo Cuzzola, Gabriella Crepaldi, Vincenzo Giannotti, Luigi Oliveri, Rossana Salimbeni, Raffaele Squeglia

COORDINAMENTO REDAZIONALE
Alessio Sfienti

Rivista iscritta al Registro Stampa periodica del Tribunale di Rimini n. 135/2011 in data 3/2/2011

ISSN 2281-3764

Pagerank
ARCHIVIO

News


Questo articolo è stato inserito il 19/07/2011 , pubblicato nella categoria manovra estiva 2011, letto 61687 volte , con i tag: enti locali manovra estiva 2011 pubblico impiego visite fiscali

Img

Cade obbligo visite fiscali per dipendenti pubblici

Da ieri sono entrate in vigore le nuove disposizioni in materia di visite fsicali contenute nell'articolo 16, comma 9, della manovra economica approvata la scorsa settimana. Cade l'obbligo delle visite fiscali nei confronti dei dipendenti del pubblico impiego in malattia. Le visite torneranno ad essere richieste alle Asl solo se il dirigente responsabile del lavoratore lo riterrà opportuno, mentre l'obbligo permane "dal primo giorno quando l'assenza si verifica nelle giornate precedenti o successive a quelle non lavorative". Comunque le l'obbligo delle visite fiscali non è più assoluto, poiché "le pubbliche amministrazioni dispongono per il controllo sulle assenze per malattia dei dipendenti valutando la condotta complessiva del dipendente e gli oneri connessi all'effettuazione della visita".

(FONTE: www.ilpersonale.it)

Condividi su Linkedin

Ti potrebbe interessare anche:

 

Commenti

Autore: Bernini Claudio
Data: 19/07/2011 11:37
Ma la VERA novità per gli Enti Locali è il comma 5-ter che giustifica l'assenza per malattia per l'espletamento di visite mediche. Prima, per le visite mediche inferiori all'orario giornaliero, o si andava in malattia tutto il giorno con certificato del proprio medico o si prendenva un permesso breve da compensare. A meno che, anche questa volta, non sia da interpretare diversamente ...

Autore: Anna Solinas
Data: 29/10/2011 19:51
Sono un'insegnante in utilizzazione temporanea presso la segreteria della scuola evorrei capire come mai,in tanto tempo durante il quale in molti si sono assentati per malattia non è stata richiesta visita fiscale. Io son stata male e ho avuto 4 gg di malattia, tempestivamente è stata richiesta visita fiscale dopo aver avuto uno scontro con la DSGA!?! Grazie Anna Solinas

Autore: Antonino FERRARA
Data: 01/12/2011 17:10
Sono stato ricoverato d'urgenza in ospedale,con l'intervento del 118, chiamato dal vicepreside della mia stessa scuola, in seguito ad un mio malessere avvenuto durante un c.d.c., per piu di 15 giorni.Quesito: dopo essere stato dimesso dall'ospedale ed avendo chiesto altri giorni di riposo sempre per motivi di salute con certificato medico, sono obbligato ad "aspettare" l'eventuale visita fiscale richiesta dal mio Preside al mio domicilio di residenza dove vivo solo o posso, previo preventiva comunicazione di cambio di domicilio, chiedere la visita fiscale presso l'indirizzo dove intendo recarmi per essere accudito dalla mia famiglia che vive in Francia?Ringraziano anticipatamente invio cordiali saluti. A.F.

Autore: Federica
Data: 09/12/2011 13:43
Buongiorno, sono una Infermiera dioendende del Pubblico e volevo chiedervi se le visite fiscali possono avvenire anche la domenica.Grazie..

Autore: patrizio
Data: 15/12/2011 11:52
Salve sono un dipendente del servizio sanitario nazionale, un mese fa ho subito un infortunio sul lavoro che ha compromesso la funzionalità del dito indice della mano destra per trauma distorsivo lussativo per cui mi è stata richiesta astenzione dal lavoro con procedura INAIL per 60 giorni, l'INAIL stesso successivamente mi ha richiesto visita medica presso i suoi uffici e dopo avermi inviato presso un centro convenzionato con loro per l'effettuazione di un'ecografia che rivelava la sussistenza di una lesione capsulo legamentosa riferibile a trauma distorsivo lussativo, nonostante ciò mi è stato detto che l'INAIL coprendo solo le invalidità permanenti interromperebbe la procedura di astensione dal lavoro. Cosa posso fare, facendo io un lavoro in cui mi è impossible eseguire qualunque mansione senza l'uso dell'indice della mano destra (da cui è stata da poco rimossa la stecca) che ancora è funzionalmente compromesso?Posso iniziare una nuova procedura di malattia con l'IMPDAP?

Autore: Simona 14/02/2012
Data: 14/02/2012 08:45
Buongiorno sono un infermiera che lavora all'ospedale di ferrara dopo essere stata ricoverata sono stata dimessa e ancora tutt'ora non riesco a lavorare per deficit funzionale alla gamba dx.Ora sono in malattia ma mi devo recare a udine per una visita in giornata come posso fare per la visita fiscale devo avvisare qualcuno?Grazie.

Autore: Francesco
Data: 31/05/2012 06:14
Salve,sono un impiegato di una Azienda Ospedaliera im malattia per depressione. nonostante ho reiterato la richiesta di visita fiscale ambulatoriale, il Dirigente non dipone neanche quella domiciliare.E' possibile che tale descrizionalità, arrivi fino al punto di non consentire la convalida della diagnosi. posso recarmi spontaneamente c/o la medicina fiscale. o che?Grazie.

Autore: Berta
Data: 26/01/2013 21:42
Sono un'insegnante a t.i. con causa di servizio riconosciuta nel 91. In assenza da 8 giorni per malattia dipendente da causa di servizio, il medico fiscale non mi ha trovato nel domicilio indicato e mi dispone accertamenti e giustificazioni presso la sede di medicina legale. Domanda: Sono cambiate le disposizioni che esentano da visita fiscale i soggetti che si assentano per malattia dipendente da causa di servizio? Grazie.

Autore: Giuseppe
Data: 18/02/2013 08:18
per Berta - non hai l'obbligo di permanere al domicilio se la stato di malattia è connesso con la causa di servizio. Il datore di lavoro può in ogni caso mandarti la visita ma, se non ti trova il medico fiscale, non disperare porta alla sede di medicina legale i tuoi certificati attestanti la causa di servizio e parlane con il medico in tranquillità. Non possono farti nulla.

Autore: rosy
Data: 18/02/2013 21:04
lavoro presso un ente pubblico. sono stata sottoposta a visita medica di verifica per inabilità al lavoro. La commissione si è spressa" inabile temporaneamente e in maniera assoluta al servizio per giorni 90". Vorrei sapere se l ente puo mandare la visita fiscale? se questo periodo è soggetto a decurtazione dallo stipendio per i primi 10 giorni di malattia? se questi 90 giorni verranno sommati al raggiungimento dei 270 giorni di malattia previsti negli ultimi 3 anni?

Autore: leti
Data: 14/01/2014 18:34
nella giornata di domenica mi sono recata al pronto soccorso per una caduta a casa. mi hanno diagnosticato una frattura al polso e hanno messo un bendaggio rigido provvisorio in attesa di visita in ospedale il martedì successivo. il lunedi il medico di base mi ha fatto un certificato per assenza al lavoro in base al responso del pronto soccorso. sono soggetta a visita fiscale?

Autore: Vito
Data: 17/01/2014 13:23
A chi inviare richiesta per visita medico fiscale ad un dipendente degli enti locali (comune) inviata all'INPS fino alla settimana scorsa, e da oggi non più possibile, in quanto la sede INPS competente mi ha detto che non è possibile in quanto le fasce orarie di reperibilità sono diversae tra pubblico e privato? Sono da inviare all'ASP competente. Grazie.

 

Lascia il tuo commento





Previous Next
Previous Next

X

Iscriviti alla newsletter

Vuoi ricevere la newsletter gratuita di www.ilpersonale.it?

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica e clicca su Iscriviti

Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati

NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.