Questo articolo è stato letto 1.887 volte

Personale degli enti locali comandato e/o distaccato. Le rilevanti novità della Suprema Corte
Il Commento di V. Giannotti

dirigenti

di V. Giannotti

Innovativa sentenza della Suprema Corte sul personale comandato e/o distaccato dagli enti locali presso il Ministero di Giustizia, con motivazioni opposte a quelle sino ad ora fornite dall’ARAN.

LE INDICAZIONI ARAN
In merito al trattamento economico del personale comandato presso gli uffici giudiziari, precisa l’ARAN (RAL440_Orientamenti Applicativi del 5/6/2011) che:

  • Al Comune verrà rimborsato, da parte del Ministero della Giustizia, il trattamento fondamentale corrisposto al personale in oggetto, “con esclusione, quindi, di ogni voce retributiva accessoria”;
  • Il trattamento accessorio del personale comandato è a carico dell’Amministrazione di destinazione, in quanto la stessa fruisce delle relative prestazioni (lavoro straordinario, eventuali turni o reperibilità, compensi per progetti di produttività, ecc.);
  • Il personale comandato ha diritto ad essere valutato dall’ente di formale appartenenza (quindi dal Comune) ai fini della progressione economica orizzontale.

Altro problema affrontato sempre in altro parere (RAL257 – Orientamenti Applicativi del 5/6/2011) riguarda il pagamento dell’indennità di amministrazione e la correlazione con l’indennità di comparto. Secondo l’ARAN le due indennità, identiche nella disciplina contrattuale, non possano cumularsi, e pertanto può essere confermata la percezione della indennità di amministrazione, di importo più elevato.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>