Questo articolo è stato letto 12 volte

Permessi per visite, terapie, esami tra circolari ministeriali e contrattazione collettiva

permessi-per-visite-terapie-esami-tra-circolari-ministeriali-e-contrattazione-collettiva.jpg

di G. Crepaldi (www.ilpersonale.it 13/5/2015)

Il nuovo testo dell’art. 55-septies, comma V ter, del d.lgs. 20 marzo 2001 n. 165, Testo unico del pubblico impiego, come introdotto dall’art. 16, comma 9, legge 15 luglio 2011, n. 111, e successivamente modificato dall’art. 4, comma 16-bis, d.l. 31 agosto 2013 n. 101, convertito in legge 30 ottobre 2013, n. 125, ha dato luogo ad alcune incertezze interpretative su cui si sono già pronunciate una circolare ministeriale e il giudice amministrativo.
Innanzitutto, la norma oggi prevede che nel caso in cui l’assenza per malattia abbia luogo per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici il permesso è giustificato mediante la presentazione di attestazione, anche in ordine all’orario, rilasciata dal medico o dalla struttura, anche privati, che hanno svolto la visita o la prestazione o trasmessa da questi ultimi mediante posta elettronica.

Continua a leggere l’articolo

 

 

La giustificazione delle assenze negli enti locali

Guida rapida con casi pratici
• Congedo ordinario • Permessi retribuiti • Permessi brevi • Riposi compensativi • Recupero straordinario e banca delle ore • Malattia • Congedo di maternità e di paternità • Permessi e agevolazioni per l’assistenza ai portatori di handicap • Aspettativa per motivi personali • Diritto allo studio • Permessi sindacali Area dirigenti

» Acquista Subito

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>