Questo articolo è stato letto 1.448 volte

Permessi legge 104: l’assistenza non deve consistere in una “contemplazione 24 ore su 24” dell’assistito

Approfondimento di L. Boiero

Permessi assistenza disabili

Dalla lettura di una decisione assunta recentemente dai giudici della Cassazione, emerge che, con propria  sentenza, la Corte di Appello di Roma rigettava il reclamo proposto da una azienda che opera nella distribuzione della posta avverso la pronuncia del locale giudice del lavoro, che aveva accolto la domanda di un dipendente in relazione al licenziamento, a costui intimato previa contestazione, annullato con la reintegra del lavoratore nel posto di lavoro e la condanna della società convenuta al pagamento dell’indennità risarcitoria, oltre che al rimborso delle spese di lite.
Secondo la Corte capitolina, l’unica circostanza provata riguardava l’erronea indicazione del domicilio da parte del dipendente, relativamente al luogo di residenza e di accudienza per assistenza al padre, portatore di handicap grave e con diritto altresì al congedo straordinario di cui al D.Lgs. n. 151 del 2001 ed ai sensi dell’art. 35 del contratto collettivo nazionale di lavoro di settore. Dalla prova testimoniale era emerso che il padre dell’attore dimorava stabilmente in altro luogo, dove abitavano altresì lo stesso dipendente,  il suo coniuge e le figlie. Quanto alla contestazione, riguardante la pretesa mancanza di accudienza, la Corte distrettuale osservava, in primo luogo, come mancasse espressa contestazione del fatto, in quanto l’aver addebitato la mancata convivenza non comportava di per sè pure la contestazione della mancata accudienza, poichè in tal caso sarebbe stato necessario fornire maggiori precisazioni ed essendo evidente che assistere un infermo non comportava in alcun modo la presenza costante e continuativa a fianco dello stesso, tanto che la legge non lo prevedeva in alcun modo. In ogni caso, i tempi dell’assenza dell’incolpato dalla propria abitazione erano stati saltuari e limitati, mentre del tutto irrilevante appariva il fatto che egli durante tali assenze si occupasse anche di gestire la propria casa vacanze, ubicata in altro luogo (corrispondente a quello dichiarato come abituale residenza del padre, cui doveva essere prestata assistenza).

Continua a leggere l’articolo

 

Per maggiori approfondimenti in materia di CONGEDI PARENTALI
CONSULTA il nostro SPECIALE

 


NOVITA’ EDITORIALE:
La riforma del pubblico impiego e della valutazione

La riforma del pubblico impiego e della valutazione

Arturo Bianco, Alessandro Boscati, Renato Ruffini , 2017, Maggioli Editore
Costituzione del fondo per la contrattazione decentrata del personale e dei dirigenti, anche alla luce dei tetti e dei tagli dettati dalla normativa; ripartizione delle risorse per la incentivazione del personale, applicazione della produttività e delle altre forme di incentivazione del...

40,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>