Questo articolo è stato letto 214 volte

Performance individuale, differenziazione da considerare

Approfondimento di M. Rossi

valutazione_dipendenti_performance

Nell’ambito della valutazione della performance individuale del personale avente responsabilità di struttura, l’art. 9 del D.Lgs. 150/2009 impone di considerare la capacità di valutazione dei propri collaboratori, dimostrata tramite una significativa differenziazione dei giudizi.

L’obiettivo perseguito è premiare i dirigenti e gli altri responsabili di struttura in funzione della capacità di valutazione dei propri collaboratori, evitando così approcci non efficaci e orientati ad un sostanziale “appiattimento” dei punteggi attribuiti, che potrebbero “svilire” l’impatto complessivo del sistema di performance.
Di conseguenza, in fase di progettazione del sistema di valutazione e misurazione della performance occorre definire le modalità con cui tale elemento sarà oggetto di apprezzamento e concorrerà a determinare la performance individuale dei responsabili di struttura.

In proposito, si possono ipotizzare due approcci tra di loro alternativi:
a) da una parte, la considerazione distinta di tale fattore, al medesimo livello degli elementi legati ai risultati e degli elementi correlati ai comportamenti ed alle competenze, mediante l’attribuzione di uno specifico peso ponderale (soluzione che impone anche di definirne anche il peso ponderale in termini di concorso alla determinazione della performance del singolo responsabile di struttura);
b) dall’altra parte, la considerazione di tale fattore nell’ambito di uno degli item che conducono alla valutazione dei comportamenti e delle competenze (ad esempio l’item relativo alla capacità di gestione ovvero di valorizzazione delle risorse umane), eventualmente specificando che esso sarà valutato proprio in funzione della capacità di realizzare una differenziazione nella valutazione dei collaboratori.
Una volta effettuata l’opzione, poi, devono essere individuate le concrete e specifiche modalità con le quali viene concretamente verificato il livello di differenziazione garantito da ciascun responsabile di struttura, sia considerato singolarmente sia considerato in termini relativi tra i diversi soggetti che effettuano la valutazione dei collaboratori.

Continua a leggere l’articolo

 

Novità editoriale:
legge241-90LA LEGGE 241/90
commentata con la giurisprudenza

di Serafina Frazzingaro, Giuseppe Raffaele Macrì, Pierluigi Rotili

La recente riforma Madia (legge n. 124/2015) ed i relativi decreti attuativi hanno inciso notevolmente sull’azione e sull’organizzazione della Pubblica Amministrazione e, in particolare, sull’assetto del procedimento amministrativo come disciplinato dalla legge n. 241/1990.
Il presente volume racchiude le principali pronunce del diritto vivente giurisprudenziale – suddivise articolo per articolo della legge n. 241 – sino ad oggi emerse sui singoli istituti.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>