Questo articolo è stato letto 1.229 volte

Per gli Ermellini lo spostamento del dirigente sindacale non necessità del nulla osta della sigla sindacale – Il Commento di V. Giannotti

giudice_giustizia_tribunale_processo

di V. Giannotti 

La Suprema Corte è stata chiamata a pronunciarsi sull’illegittimità del Comune del disposto trasferimento di un dirigente sindacale in mancanza del preventivo nulla osta della sigla sindacale di appartenenza. La sigla sindacale aveva lamentato, innanzi al giudice del lavoro, il comportamento antisindacale dell’Amministrazione che aveva spostato il proprio dirigente sindacale in un’unità operativa del tutto diversa e geograficamente distante dalla precedente, dove era stato eletto e dove aveva svolto la propria attività di assistenza e proselitismo sindacale. In particolare, tale provvedimento era stato adottato in violazione sia dell’art. 22 Stat. Lav., applicabile anche al pubblico impiego, sia dell’art. 18 CCNQ del 7 agosto 1998, secondo cui “il trasferimento in un’unità produttiva ubicata in sede diversa da quella di assegnazione dei dirigenti sindacali indicati nell’art. 10 del medesimo accordo quadro, può essere predisposto solo previo nulla osta delle rispettive organizzazioni sindacali di appartenenza e della RSU ove il dirigente ne sia componente“. La Corte di Cassazione con la Sentenza 12/07/2016 n.14196, con puntuale ricostruzione della normativa legislativa e contrattuale vigente, esclude che nella citata fattispecie vi possa essere stata una condotta antisindacale da parte del Comune, negando la necessità del citato preventivo nulla osta alla Sigla sindacale.

IL FATTO
Il ricorso al giudice del lavoro da parte del Sindacato era teso ad accertare il comportamento antisindacale del Comune, per aver disposto il trasferimento di un proprio dirigente sindacale da un’unità operativa del tutto diversa e geograficamente distante dalla precedente.

Continua a leggere l’articolo

Novità editoriale:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>