Questo articolo è stato letto 0 volte

Pensioni, braccio di ferro sulle deroghe per gli statali

Si tratta sul ripristino di «Quota 96» per gli insegnanti (ci sarebbe uno scostamento sulle coperture individuate dalla Camera e riviste dalla Ragioneria dello Stato di 10 milioni di euro, che vanno quindi reperiti). Più in salita è la strada per “salvare” l’estensione del pensionamento d’ufficio a 68 anni per i professori universitari (una misura che costa 34,2 milioni nel 2015 e ben 113 milioni fino al 2021, e secondo il Mef non sarebbero coperti). E non pochi problemi presentano anche le norme sulla cancellazione delle penalizzazioni introdotte dalla legge Fornero per le uscite anticipate e sul riconoscimento di benefici alle vittime di terrorismo.

Anche ieri è proseguito il confronto tra Governo e tecnici del ministero dell’Economia e della commissione Bilancio del Senato per cercare di trovare una soluzione alle norme “non bollinate” dalla Ragioneria generale dello Stato al dl Madia. Il provvedimento è stato incardinato in commissione Affari costituzionali di palazzo Madama e ieri si è esaurita la discussione generale. Oggi entro le ore 15 scade il termine per la presentazione degli emendamenti. Lunedì riprendono i lavori in sede referente, e si dovrebbe anche riunire la commissione Bilancio, presieduta da Antonio Azzollini (potrebbe partecipare anche il vice ministro dell’Economia, Enrico Morando) chiamata a verificare (e risolvere) il rebus coperture sulle quattro norme contestate dai tecnici del Mef.

Dopo le scintille dei giorni scorsi la partita su «Quota96» potrebbe trovare una soluzione, con qualche aggiustamento. Qui il nodo è prima di tutto tecnico: mancherebbero 10 milioni (da reperire), e sono da rivedere anche le coperture già individuate che consistono in un aumento degli obiettivi di spending review e tagli lineari alle spese rimodulabili dei ministeri. Ma la partita è anche squisitamente politica. L’emendamento che punta a mandare in pensione con i requisiti pre-Fornero circa 4mila insegnanti è stato firmato (e votato) da tutti i gruppi parlamentari alla Camera, e una eventuale marcia indietro del Senato, rischierebbe di mettere in discussione l’intero dl Pa al ritorno a Montecitorio.
La titolare della Funzione pubblica, Marianna Madia, preme per una rapida approvazione del decreto-legge «che è un provvedimento importante – dice al Sole24Ore – . Troveremo una soluzione con Mef e commissione Bilancio». Per il collega, vice ministro dell’Economia, Enrico Morando, le eccezioni poste dai tecnici della Ragioneria «sono serie» e le «affronteremo con la commissione Bilancio».

Stando ai rilievi del Mef la misura maggiormente onerosa è l’estensione del pensione d’ufficio ai professori universitari al raggiungimento dei 68 anni. Interesserebbe una platea potenziale di 1.546 docenti. La misura sarebbe completamente scoperta e appare difficile in poche ore riuscire a trovare una soluzione. Se dovesse essere cassata, da quanto si apprende, rischierebbe di essere espunta dal dl anche l’estensione del pensionamento d’ufficio per i primari.

Di difficile soluzione è anche la cancellazione delle penalizzazioni introdotte dalla Fornero per le uscite anticipate dal lavoro. Qui la quantificazione degli oneri fatta dalla Camera, sempre secondo la Ragioneria dello Stato, sarebbe sottostimata: per il 2014 servirebbero 5 milioni (anziché uno), per il 2015 15 milioni (anziché tre), e dal 2018 ben 60 milioni (anziché i 16 milioni indicati nella relazione tecnica). Un problema di non poco conto, e che potrebbe portare alla soppressione della norma, anche perché la misura, nei fatti, introduce un’eccezione alla legge Fornero sulle pensioni e potrebbe aprire la strada a una analoga misura valevole per i lavoratori privati (e con costi decisamente maggiori).
Si dovrebbe invece trovare una soluzione per la misura che introduce benefici per le vittime del terrorismo. Anche qui il rilievo del Mef è la sottostima dei costi (ma si tratterebbe di una decina di miloni di euro di differenza). Che alla fine potrebbero uscire fuori, e salvare così la disposizione.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>