Questo articolo è stato letto 5 volte

Patroni Griffi: per gli statali possibile il licenziamento

patroni-griffi-per-gli-statali-possibile-il-licenziamento.jpeg

Il ministro della Funzione Pubblica, Filippo Patroni Griffi in un’intervista pubblicata oggi su Avvenire ribadisce la linea del Governo sull’articolo 18: “E un punto qualificante di un progetto su cui è stato trovato il giusto equilibrio e che non va – e non può – essere stravolto …”. Poi chiarisce che la riforma che da tre mesi sta dividendo il Paese è solo il “primo tempo” di una partita che non sarà chiusa senza la “ripresa”, ovvero l’annunciata delega per l’estensione delle nuove norme anche al pubblico impiego. Un secondo tempo da giocarsi, avverte, tutto “entro l’estate”.

“Spero che capiscano tutti – dice –, anche i sindacati. Devono accettare il meccanismo di mobilità obbligatoria per due anni che già esiste ma che ancora non è stato attuato. Devo farlo perché le amministrazioni pubbliche vanno riorganizzate anche per attuare la spending review sulla spesa pubblica. Noi andiamo avanti e in tempi brevi definiremo, per ogni singola amministrazione, il quadro delle eccedenze del personale in servizio. E chiariremo che questo non significa che dopo 24 mesi quei lavoratori dovranno essere licenziati. Prima proveremo a vedere se quel personale, riqualificato, potrà essere utilizzato meglio in altri settori. Poi, solo se alla fine non si troveranno alternative, l’unica strada rimarrà quella del licenziamento”.

Il ministro indica le tappe: “Già nella seconda metà di maggio, dopo gli incontri che ho in corso con i sindacati, vorrei che si varasse il disegno di legge sulle nuove regole nel pubblico impiego”.

Sui licenziamenti, aggiunge Patroni Griffi, “bisogna essere chiari: i licenziamenti discriminatori hanno una disciplina identica al privato, com’è ovvio. Quelli disciplinari sono regolati da una procedura dettagliata, proprio per evitare che possano essere utilizzati per finalità diverse. E’ sui licenziamento per giustificato motivo oggettivo o economico che bisogna ragionare. Il meccanismo della mobilità deve funzionare. Ripeto: deve. Lo Stato deve essere in grado di sapere se un’amministrazione non ha bisogno di 500 dipendenti ma puo’ andare avanti bene con 400. E come conseguenza deve poter essere messa nella condizioni di operare con quei 400″. Perche’ “lo Stato non e’ un ammortizzatore” e “organici eccessivi gettano discredito sull’impiego pubblico”.

(FONTE: www.ilpersonale.it)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>