Questo articolo è stato letto 0 volte

P.a., nelle Rsu hanno vinto tutti

Rsu nella pubblica amministrazione, hanno vinto tutti. A leggere i comunicati stampa che i sindacati hanno inviato ieri ai giornali, a spoglio ancora in corso sui dati parziali per le elezioni delle rappresentanze sindacali unitarie nel pubblico impiego, Cgil, Cisl, Uil, Confsal e Ugl hanno vinto tutti. «È per noi motivo di grande soddisfazione rilevare che la Cgil si conferma come primo sindacato in tutti i settori pubblici, aumentando ulteriormente i propri consensi», hanno scritto i segretari generali Cgil, Susanna Camusso, Rossana Dettori (Fp) e Domenico Pantaleo (Flc). «Non si capisce davvero di quale vittoria parli la Cgil. Non si può vendere la pelle dell’orso prima di prenderla», ha risposto il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni. «Dai dati in nostro possesso la Cisl si conferma in termini di voti sicuramente il primo sindacato negli enti pubblici non economici e nei ministeri. Anche nella scuola la Cisl è appaiata alla Cgil in termini di voti, e la supera abbondamentete sul piano associativo». Bene anche la Uil: «le prime proiezioni indicano che le sue liste si stanno attestando, mediamente, intorno al 24%, con Uilpa, Uil-Fpl, UilScuola e UilRua. «Un esito molto significativo che conferma la continua crescita dell’organizzazione sindacale» dicono i segretari della Uil Carmelo Barbagallo e Paolo Pirani. Non meno bene la Confsal: «La segreteria della Confsal esprime grande soddisfazione per il risultato conseguito, che conferma ancora una volta la nostra forza rappresentativa», ha dichiarato il segretario generale Confsal, Marco Paolo Nigi. Cui risponde l’Ugl: «Dai primi dati e in base ai conteggi fatti, l’Ugl – Intesa Funzione Pubblica avrebbe superato ampiamente nei ministeri la soglia di rappresentatività con l’8,50 per cento di voti, sommato al 7,37 per cento di deleghe (gennaio 2012)», scrive in una nota la segreteria nazionale dell’Ugl – Intesa Funzione Pubblica. Ora parola al ministro Filippo Patroni Griffi per i numeri definitivi.

Fonte: Italia Oggi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>