Questo articolo è stato letto 1 volte

Nuove modalità di riscossione del contributo annuale dovuto all’Aran per l’attività di contrattazione ed assistenza

nuove-modalita-di-riscossione-del-contributo-annuale-dovuto-all-aran-per-l-attivita-di-contrattazione-ed-assistenza.jpeg

Con comunicato del 06/03/2014 l’ARAN rende noto che:
Il presente comunicato viene diramato congiuntamente dall’Aran e dal Ministero dell’Interno a seguito dell’emanazione del Dm del 27 novembre 2013, pubblicato sulla GU n.19 del 24 gennaio 2014, che definisce le nuove modalità di riscossione del contributo annuale dovuto all’Aran per l’attività di contrattazione ed assistenza, ex art. 46 del D.Lgs. n.165/2001, dai Comuni, le Province, le Unioni di comuni e le Comunità montane. Tale contributo, quantificato sulla base dell’ultimo dato relativo al personale in servizio desunto dal Conto annuale delle spese del personale del Ministero dell’Economia e delle finanze, è pari a Euro 3,10 per dipendente, come stabilito dall’Organismo di coordinamento dei comitati di settore nella seduta del 29 luglio 1998.
Al fine di semplificare gli adempimenti degli enti e ridurre i costi, le nuove modalità di riscossione prevedono quanto segue: – nel caso di Enti che ricevono trasferimenti dal Ministero dell’Interno, il contributo sarà trattenuto dallo stesso Ministero a valere sugli importi dovuti agli enti e successivamente versato all’Aran in un’unica soluzione; – nel caso di Enti che non ricevono trasferimenti dal Ministero dell’Interno, non potendosi operare alcuna trattenuta, il contributo sarà richiesto direttamente dall’Aran ai singoli Enti con l’invio di un bollettino Mav, sulla base di apposito elenco che sarà predisposto dal Ministero dell’Interno. Solo per il corrente anno sono oggetto di riscossione anche i contributi relativi ad anni pregressi (2011, 2012, 2013), poiché dal 2011 non si è avuta riscossione di contributi, in attesa dell’emanazione del decreto ministeriale. Al fine di semplificare l’attività degli enti, l’Aran e il Ministero dell’Interno hanno avviato un apposito tavolo tecnico per condividere la procedura da attivare ed i relativi flussi di comunicazione. Con successivi comunicati saranno dunque forniti, d’intesa con il Ministero dell’Interno, ulteriori istruzioni e chiarimenti agli enti interessati che, al momento, non sono comunque tenuti ad alcun adempimento.
Poiché le trattenute saranno operate dal Ministero dell’Interno sulla base dei dati comunicati dall’Aran, si segnala che, eventuali chiarimenti dovranno essere richiesti esclusivamente a questa Agenzia.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>