Questo articolo è stato letto 13 volte

Nota tecnica – Il punto sulle assunzioni 2015 dopo il decreto Madia in tema di mobilita’ degli enti di area vasta

nota-tecnica-il-punto-sulle-assunzioni-2015-dopo-il-decreto-madia-in-tema-di-mobilita-degli-enti-di-area-vasta.png

di R. Salimbeni (www.ilpersonale.it 9/10/2015)

All’ampliamento significativo del  turn over operato  dal d.l. n. 90/2014, che lo ha esteso dalla percentuale del 40% a quella del 60% per gli anni 2014/2015, dell’80% per il 2016/2017 e fino al 100% dal 2018, corrisponde di fatto se non un blocco, quantomeno un vincolo di non poco conto, in sede di concreta praticabilità delle assunzioni.
Gli Enti locali, infatti, in virtù delle disposizioni della Legge di stabilità 2014 e dei suoi decreti attuativi, devono di fatto limitarsi  alle sole assunzioni del personale collocato in soprannumero dagli Enti di area vasta. Queste assunzioni si faranno  anche nel caso di mancato rispetto del quadro complessivo dei presupposti legittimanti le assunzioni ordinarie attualmente in vigore .
Le assunzioni dei dipendenti in soprannumero, infatti, possono avvenire da parte degli Enti locali anche sforando i vincoli del patto di stabilità , anche sforando le regole sui tempi medi di pagamento di cui all’art. 41 del d.l. n. 66/2014 come modificato dal DL 78/2015, e anche in assenza totale o parziale di turn over disponibile.

Continua a leggere la Nota

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>