Questo articolo è stato letto 0 volte

Niente Jobs Act per statali, dirigenti autonomi da politica

“Un dirigente inadeguato potrà essere licenziato” dallo Stato. A dirlo è il ministro della Pubblica Amministrazione Marianna Madia, che intervistata da Repubblica torna sulla riforma della Pa e sottolinea come il governo abbia scelto il modello “di una dirigenza autonoma e indipendente dalla politica”, “pensando, però, che l’autonomia e l’indipendenza non coincidano con l’inamovibilità dei dirigenti, né con la progressione di carriera automatica”.

Il ministro torna anche sulla mobilità dei dipendenti delle province: “Entro la fine di questo mese termineremo la definizione delle cosiddette tabelle di equiparazione. Da quel momento in poi sarà possibile la mobilità”. I co.co.co? “Li dovremo abolire”, afferma Madia, ma “un percorso sano di assunzioni partirà dopo i prossimi due anni dedicati alla riallocazione dei dipendenti delle Province”.

 

Jobs Act e le nuove regole del licenziamento

Primo decreto attuativo della Riforma del lavoro

• Formulario  Giurisprudenza  Schemi

Aggiornato al D.Lgs. 4 marzo 2015 n. 23 (G.U. del 06/03/2015, n. 54), in vigore dal 7 marzo 2015

» Acquista Subito

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>