Questo articolo è stato letto 78 volte

Mobbing: danno e indennità INAIL

OSSERVATORIO GIURISPRUDENZA

Pensioni: finestra di slittamento

Riformando le precedenti decisioni di merito, la Corte di Cassazione afferma che il c.d. danno da mobbing può essere posto a carico dell’INAIL in sostituzione del datore di lavoro. Ordinanza della Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, 5 marzo 2019, n. 6346.

Massima

La tutela assicurativa INAIL copre ad ogni forma di tecnopatia, fisica o psichica, che possa ritenersi conseguenza dell’attività lavorativa, sia che riguardi la lavorazione che l’organizzazione del lavoro e le sue modalità di esplicazione, anche se non compresa tra le malattie tabellate o tra i rischi indicati.

Fatto

La Corte d’appello di Messina ha condannato Poste Italiane s.p.a. al pagamento, in favore di una ex dipendente a titolo di risarcimento del danno biologico da mobbing, della somma di Euro 9.350,00 oltre accessori, rigettandone le altre domande: così ha riformato la sentenza di primo grado, che aveva già condannato la società datrice di lavoro al pagamento, in favore della predetta, della somma di Euro 4.675,00, a titolo di danno morale.
Avverso la sentenza d’appello la società ricorreva per Cassazione per i seguenti motivi…

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>