Questo articolo è stato letto 0 volte

Manovra: Brunetta, l’allarme lanciato dalla Cgil non trova conferma. Misure hanno effetto limitato rispetto a intervento complessivo

manovra-brunetta-lallarme-lanciato-dalla-cgil-non-trova-conferma-misure-hanno-effetto-limitato-rispetto-a-intervento-complessivo.gif

Per Renato Bruneta, Ministro della funzione pubblica, l’allarme lanciato dalla Cgil sugli effetti della manovra sul pubblico impiego “non trova alcuna conferma né nei numeri né dal punto di vista giuridico”. In una nota del ministero si legge che “la recente manovra finanziaria sul pubblico impiego ha un effetto limitato rispetto all’intervento complessivo”. La manovra “fissa un risparmio sul pubblico impiego, in termini di indebitamento netto, pari a 740 milioni di euro, cioè uno 0,5% della massa salariale complessiva del settore” e “il mancato incremento contrattuale sul triennio 2010-2012, in valore medio, è stimabile in 90 euro al mese (dato a regime)”. Conseguentemente, “vanno rivisti al ribasso anche i dati relativi all’entità dei possibili arretrati sullo stesso triennio, che ammontano in media a circa 2000 euro pro-capite”. “Va anche sottolineato – prosegue la nota – come la misura più significativa della nuova manovra sui salari pubblici, sia la proroga di un ulteriore anno (fino a tutto il 2014) delle limitazioni alla crescita delle retribuzioni già previste lo scorso anno. Non vi sono pertanto nuove misure di contenimento ma solo l’eventuale estensione temporale delle misure già previste”. “Quanto poi alla lamentata perdita del potere d’acquisto dei salari, è incontestabile che le due manovre (soprattutto quella dello scorso anno) determineranno, sul prossimo triennio, una crescita dei salari inferiore agli andamenti dell’inflazione (sarà corrisposta infatti la sola indennità di vacanza contrattuale). Tuttavia, è altrettanto incontestabile che la crescita dei salari pubblici si è complessivamente mantenuta al di sopra dell’inflazione e degli incrementi del settore privato, con il quale si avrà una convergenza solo dal 2014, per effetto delle misure di contenimento adottate (si veda, al riguardo la successiva figura). Dunque, sul periodo osservato non vi è stata perdita del potere d’acquisto dei salari”, si afferma. I dati diffusi dalla Cgil, infine, non terrebbero “conto infine dell’effetto di possibile crescita dei trattamenti accessori, dovuto al cosiddetto dividendo dell’efficienza. La manovra riconosce infatti alle amministrazioni più virtuose che saranno in grado di dimostrare risparmi di spesa ulteriori rispetto a quelle previste dalle ultime due manovre – ottenuti attraverso misure di razionalizzazione e riqualificazione (ad esempio, misure di semplificazione e digitalizzazione) – la possibilità di destinare ai trattamenti accessori del personale il 50% delle economie conseguite. Pertanto il pubblico impiego contribuisce alla manovra, com’è giusto che sia, ma con misure sostenibili che tengono conto anche della capacità di efficienza e di responsabilità delle singole amministrazioni e di quanto percepito dai dipendenti pubblici negli anni precedenti alla crisi.”

(FONTE: www.ilpersonale.it)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>