Questo articolo è stato letto 316 volte

Licenziamento per appropriazione di beni di modesto valore: è legittimo?

Approfondimento di R. Squeglia

licenziamento

La nozione di giusta causa di licenziamento che si legge all’art. 2119 c.c. è, come noto, di natura elastica e da riempire di contenuto da parte dell’interprete. È altrettanto un dato acquisito che le tipizzazioni contrattuali dei codici disciplinari, sulla scorta delle quali può essere irrogata la massima sanzione espulsiva, non ne esauriscono il novero delle ipotesi, attesa la scaturigine legale della nozione di giusta causa. Per tale ragione, il Giudice può estendere il catalogo contenuto nei codici disciplinari, con il solo limite di non poter sussumere nel licenziamento fattispecie che, invece, la volontà negoziale ha fatto rientrare in fattispecie punibili con la sanzione conservativa(1).

È di immediata percezione quanto delicata sia tale operazione ermeneutica, soprattutto in una fase di prolungata e profonda crisi del mercato del lavoro, in cui l’espulsione di un lavoratore dal circuito può avere effetti devastanti.

>> Continua a leggere l’articolo <<

 

Per maggiori approfondimenti in materia di POTERE DISCIPLINARE consulta il nostro SPECIALE

 

Novità editoriale:

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Livio Boiero, 2017, Maggioli Editore
Come in qualsiasi rapporto di lavoro subordinato, il relativo contratto prevede il diritto del datore di lavoro di esercitare un potere disciplinare, di natura sanzionatoria, a fronte di comportamenti del lavoratore che costituiscono inosservanza degli obblighi contrattuali. La sanzione...

64,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>