Questo articolo è stato letto 260 volte

Licenziamento e tipicità delle condotte

licenziamenti2

Una volta accertata l’impossibilità di collocare la condotta che ha generato il licenziamento nell’ambito delle disposizioni contrattuali che prevedono l’applicazione del licenziamento, deve ritenersi eccessiva l’adozione di questa sanzione.
È quanto affermato dalla sentenza n. 24561/2017 della Corte di Cassazione.

Non può essere licenziato senza preavviso il dipendente qualora la condotta addebitata non è indicata tra le ipotesi previste per questa tipologia di sanzione, in quanto non caratterizzata da dolo; né è punibile col licenziamento con preavviso, poiché la contestazione difetta del requisito del pregiudizio alla sicurezza e alla regolarità del servizio con gravi danni quale ipotesi prevista dal contratto collettivo.

>> LEGGI LA SENTENZA

 

Consigliamo il VOLUME:

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Livio Boiero, 2017, Maggioli Editore
Come in qualsiasi rapporto di lavoro subordinato, il relativo contratto prevede il diritto del datore di lavoro di esercitare un potere disciplinare, di natura sanzionatoria, a fronte di comportamenti del lavoratore che costituiscono inosservanza degli obblighi contrattuali. La sanzione...

64,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>