Questo articolo è stato letto 169 volte

Licenziamento è nullo se non si prova la ricezione dell’addebito disciplinare spedito a mezzo raccomandata – Il Commento di L. Boiero

notifica_raccomandata

di L. Boiero

Il licenziamento  è nullo se non si prova la ricezione dell’addebito disciplinare e del preavviso. Ad affermarlo è la Corte di Cassazione, Sezione Lavoro Civile, con sentenza del 21 giugno 2016, n. 12822, nella quale si apprende che  la mera  spedizione di una comunicazione in plico raccomandato non vale da sola a stabilire che il destinatario sia venuto a conoscenza della dichiarazione in esso contenuta, occorrendo, invece, provare che detto plico sia pervenuto a destinazione, per poter fondare una presunzione di conoscenza nei confronti del destinatario. Il principio di presunzione di conoscenza posto dall’art. 1335 codice civile, infatti, opera per il solo fatto oggettivo dell’arrivo della dichiarazione nel luogo di destinazione, ma non quando sia contestato che essa sia mai pervenuta a quell’indirizzo e il dichiarante non fornisca elementi di prova idonei a sostenere tale assunto.
In precedenza, la Corte d’appello di Roma aveva  respinto l’impugnazione proposta da un dipendente di un Comune  avverso la sentenza del giudice del lavoro del Tribunale di Velletri che gli aveva rigettato la domanda di impugnativa del licenziamento intimatogli il 31/3/1999 dal proprio Ente  per assenza ingiustificata dal posto di lavoro per oltre dieci giorni consecutivi. La Corte capitolina, pur ritenendo che non vi era prova del perfezionamento del procedimento notificatorio della contestazione disciplinare, stante la mancanza dell’avviso di ricevimento o l’attestazione di compiuta giacenza, aveva  affermato che era, comunque, certo che la stessa nota d’addebito era stata spedita al ricorrente a mezzo raccomandata A.R., aggiungendo, tra l’altro,   che poteva presumersi l’arrivo del plico postale al destinatario nei due giorni successivi.

Continua a leggere l’articolo

Per maggiore approfondimento, consigliamo il VOLUME:

procedimento_disciplinare

Il procedimento disciplinare nel pubblico impiego

di Livio Boiero

Il volume risulta importante sia per il datore di lavoro, che deve applicare le sanzioni, sia per il dipendente che si trova coinvolto in un procedimento disciplinare, al fine di impostare correttamente la propria difesa.
Il lavoro prende in considerazione anche le ultime novità in materia di whistleblowers e delle azioni del Governo assunte per contrastare il fenomeno del c.d. “furbetto del cartellino”.

Immagine 1

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>